Coronavirus, Luxottica dà ai dipendenti un badge per tracciare i contatti

Coronavirus, Luxottica dà ai dipendenti un badge per tracciare i contatti
Il Gazzettino Il Gazzettino (Economia)

Ogni dipendente sarà identificato a sistema da un codice crittografato e genererà nel tempo una propria cronologia di contatti ravvicinati sul luogo di lavoro.

Con gli opportuni adattamenti, sarà esteso progressivamente a tutte le sedi nel mondo.

Se ne è parlato anche su altri media

Luxottica si avvarrà di un nuovo Laboratorio Covid-19 diretto dal prof. Andrea Crisanti presso l’Università/Azienda Ospedale di Padova, realizzato con il contributo iniziale di 1,5 milioni di Euro della Fondazione Leonardo Del Vecchio e che potrà gestire a regime fino a 40mila tamponi diagnostici al mese. (L'Amico del Popolo)

Il badge di prossimità integra e potenzia la capacità predittiva del modello di sorveglianza attiva e l’efficacia del protocollo di test. In parallelo, azienda e Università stanno mettendo a punto un nuovo sistema digitale per mappare dinamicamente il livello di esposizione al rischio di contagio di ogni singolo dipendente. (PadovaOggi)

Lo strumento permetterà a regime di intervenire sul personale Luxottica con tamponi mirati, o “intelligenti”, perché eseguiti con la giusta frequenza e indirizzati alle situazioni più significative nell’ambito del processo di sorveglianza attiva. (Corriere della Sera)

La prima fase di test offrirà una fotografia esatta e completa della popolazione Luxottica e sarà finalizzata a isolare i positivi asintomatici. Il commento di Francesco Milleri, Amministratore Delegato di Luxottica “La dimensione unica di questa crisi richiede risposte e strumenti nuovi, non adattamenti di vecchi modelli. (la tribuna di Treviso)

Il progetto è stato presentato ai sindacati ed è sviluppato dall'equipe del prof. Luxottica lancia un piano di tamponi sistematici per i suoi 15mila dipendenti in Italia, con l'introduzione di un 'algoritmo COVID-19' di proprietà e la sperimentazione di 'badge di prossimità' per tracciare i contatti dei positivi asintomatici, isolando possibili nuovi focolai. (Il Mattino di Padova)

Il badge di prossimità integra e potenzia la capacità predittiva del modello di sorveglianza attiva e l’efficacia del protocollo di test. L’azienda lancerà infine nei prossimi giorni nello stabilimento principale di Agordo una nuova sperimentazione che prevede l’adozione di un “badge di prossimità” per aiutare i dipendenti a osservare il distanziamento sociale e per gestire in forma anonima eventuali contatti a rischio. (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti