Agli arresti domiciliari 43enne decide di evadere per andare a rubare una decina di bottiglie di alcolici, bloccato dai carabinieri finisce in carcere

Agli arresti domiciliari 43enne decide di evadere per andare a rubare una decina di bottiglie di alcolici, bloccato dai carabinieri finisce in carcere
il Dolomiti INTERNO

Arrestato, ha perso pure il beneficio della detenzione domiciliare ed è stato portato in carcere

Agli arresti domiciliari 43enne decide di evadere per andare a rubare una decina di bottiglie di alcolici, bloccato dai carabinieri finisce in carcere. E' successo a Ora, l'uomo è un 43enne pluripregiudicato che si trovava agli arresti domiciliari.

Al supermercato ha rubato bottiglie di alcolici per un valore di circa 150 euro. (il Dolomiti)

Se ne è parlato anche su altri media

Almeno 350 le prenotazioni.Ieri una nuova classe della scuola primaria è andata in quarantena, portando a 4 il numero delle classi ancora in isolamento. Dalla riapertura degli istituti scolastici, lo scorso 15 settembre, a Barberino di Mugello ci sono stati 65 nuovi casi di contagio. (FirenzeToday)

Nelle scuole del Piemonte i casi di contagi da Covid "sono in notevole calo rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso". Il notevole calo dei contagi in confronto con lo stesso periodo dello scorso anno è la prova scientifica che il vaccino è l'unica grande arma che abbiamo per difenderci dal virus. (Sky Tg24 )

Cosa succede a quell'età L'immunologo Francesco Le Foche ha spiegato perché gli over 60, dopo gli over 80 e i fragili, abbiano la precedenza per quel che riguarda i vaccini. Per questo motivo al momento la terza dose è pensata soprattutto dai 60 anni in su (Virgilio Notizie)

Evade dai domiciliari e ruba un’auto. Arrestato 47enne

Focolai nelle scuole del Piemonte. 13 focolai in tutto così ripartiti per scuola: 1 nei nidi (età 0-2 anni), 1 nelle scuole dell’infanzia (3-5 anni), 5 nella scuola primaria (6-10 anni), 4 nella scuola secondaria di 1°grado (11-13 anni), 2 nella scuola secondaria di secondo grado (14-18 anni). (TorinoToday)

Per altri farmaci, come l’ivermectina, sono in corso studi, anche con il contributo di ricercatori del nostro istituto di ricerca. Arriveremo a trattare questa malattia come un’influenza e questo succederà quando l’infezione avrà per la stragrande maggioranza dei casi sintomi lievi (IL GIORNO)

Accetto. Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico (Tarantini Time)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr