E' morto Michele Pasinato, fece grande l'Italia del volley di Velasco. Aveva 52 anni

E' morto Michele Pasinato, fece grande l'Italia del volley di Velasco. Aveva 52 anni
Gazzetta di Parma SPORT

Complessivamente realizzò 7.439 punti in 297 gare, meritandosi la sesta posizione in classifica generale; tra tutti fu comunque il secondo per media punti per partita dopo Zorzi

Nei playoff giocò poco a causa della sua militanza sempre in piccole società (Petrarca, Gabeca e Roma): solo 17 partite con ben 408 punti realizzati.

Nella classifica dei migliori per media punti per partita tra i top scorer del campionato italiano di A1 è secondo (dietro Andrea Zorzi). (Gazzetta di Parma)

Ne parlano anche altri media

Conclude la triste nota della Federazione Italiana di Volley Michele Pasinato è morto a soli 51 anni, ha vinto un Mondiale e due Europei con la Nazionale Italiana di volley allenata da Velasco. (AreaNapoli.it)

Ripercorrere in poche righe la carriera dell’atleta veneto è quasi impossibile, Pasinato infatti è stato uno dei protagonisti dell’epoca d’oro della pallavolo italiana. Dopo cinque mesi di grande lotta Michele si è dovuto arrendere a un male incurabile. (Gazzetta del Sud)

La carriera di giocatore di Michele iniziò nelle giovanili del Petrarca Padova nella stagione 1985-86, dove rimase fino al 1994 in serie A1. Ha avuto, si fa per dire, una piccola «sfortuna»: sul suo cammino c’è stato uno come Andrea Zorzi, nella posizione uno dei più forti al mondo in quel periodo magico del nostro volley. (Corriere della Sera)

Michele Pasinato è morto, grave lutto per il volley italiano

L’opposto originario di Cittadella ha militato a lungo nel Petrarca Padova, con cui ha vinto una Coppa CEV nel 1994, mentre ha chiuso la carriera con la maglia del Valsugana Padova. Il 52enne è venuto a mancare dopo una brutta malattia, con la quale ha lottato negli ultimi 5 mesi. (Padova Sport)

Dopo qualche stagione in serie B e C, Pasinato chiuse la carriera da atleta per iniziare quella da allenatore del settore giovanile nella Pallavolo Padova, la sua grande famiglia. Il compito di chi rimane è quello di tenerne in vita la memoria, onorare il suo lavoro e associare al grande Paso un grande sorriso (Volleyball.it)

Nella campagna vaccinale "ci sono Regioni più avanzate, ci sono molte diversità, insospettabili, questo dovrà influenzare le riaperture. Draghi rimarca anche la necessità di accelerare sulla "riapertura di fiere ed eventi, su questo bisogna andare avanti svelti" (Yahoo Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr