Eurozona: ripresa economica rinviata all'estate. PIL ancora con segno negativo

Eurozona: ripresa economica rinviata all'estate. PIL ancora con segno negativo
Euronews Italiano ECONOMIA

Va meglio l'Italia dove il Pil è diminuito dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dell'1,4% rispetto al I trimestre 2020.

Il Prodotto interno lordo della zona euro ha segnato nel primo trimestre del 2021 una flessione dello 0,6% rispetto al trimestre precedente.

L’appuntamento per la ripartenza economica è dunque rimandata all’estate quando secondo gli analisti dovrebbero vedersi dei segnali di miglioramento

Decisamente meglio in Francia: qui l'economia torna a crescere nel primo trimestre. (Euronews Italiano)

Se ne è parlato anche su altri media

Covid, Istat: nel 2020 746mila decessi. La pandemia ha causato almeno 99mila decessi in più delle attese. Nel 2020 i decessi totali in Italia sono stati 746 mila, il 18% in piùdi quelli rilevati nel 2019. (LaPresse)

Bene, dopo quel tanto detto fin ieri, oggi fatto! Se c’è qualcuno rimasto senza un quattrino, insomma, qualcun altro non deve aver fatto tutta la spesa che toccava fare! (Il Sussidiario.net)

I consumi, continua il CsC, sono stati fiacchi nel 1° trimestre, ma ci sono migliori prospettive per il 2* e 3* trimestre, grazie alle riaperture programmate che preludono a un rimbalzo. Nella Congiuntura flash del Centro studi di Confindustria si legge che nel 2° trimestre si avra' un piccolo segno positivo del Pil, dopo la lieve contrazione nel 1° (-0,4%). (Italia Oggi)

CONSUMI A TERRA/ Qual è il prezzo giusto della spesa per ridare una spinta al Pil?

Nel, il dato italiano è circa in linea con la media eurozona e con l’economia spagnola (-0,6% e -0,5%, rispettivamente), e più debole rispetto alla Francia (+0,4%), ma decisamente migliore rispetto alla Germania (-1,7%)”, ha . (Zazoom Blog)

(ITALPRESS) – Nel primo trimestre del 2021 l’Istat stima che il prodotto interno lordo (Pil) sia diminuito dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dell’1,4% su base annua.Il primo trimestre del 2021 ha avuto due giornate lavorative in meno rispetto al trimestre precedente e una giornata lavorativa in meno rispetto al primo trimestre del 2020. (Qui News Pisa)

I consumi sono pronti a ripartire, gli investimenti in recupero, l’export in risalita accidentata. Nel complesso, le prospettive sono di un buon recupero degli investimenti dai minimi, anche grazie a quelli pubblici (Federvini)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr