Toyota, investimenti da 13,6 miliardi di dollari per lo sviluppo di batterie

Tom's Hardware Italia ECONOMIA

Non dimentichiamo che un’efficienza migliore permette di utilizzare batterie più piccole ad un costo vantaggioso.

Attraverso questo sviluppo integrato di veicoli e batterie, miriamo a ridurre il costo della batteria per veicolo del 50% rispetto alla Toyota bZ4X

La casa automobilistica Toyota ha ufficializzato che investirà sullo sviluppo di batterie per le auto elettriche e per nuovi modelli alimentati a idrogeno. (Tom's Hardware Italia)

La notizia riportata su altre testate

Perché è importante. The Tesla Model S Plaid is nothing more than a marketing exercise designed to draw attention to an aging car (Benzinga Italia)

Non si può nemmeno rivendere. Insomma, finora la nuova Toyota Land Cruiser sembra essere nata sotto una cattiva stella. Gli appassionati di fuoristrada (e non solo) stanno letteralmente impazzendo per la nuova Toyota Land Cruiser 300. (Motor1 Italia)

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 10 set - Toyota Motor ha tagliato le sue stime di produzione di auto a 9 milioni di unita' da 9,3 milioni di unita' per l'anno fiscale che si chiude a marzo a causa della diffusione del coronavirus nel sud-est asiatico. (Borsa Italiana)

Abbattere i costi di produzione. Batterie per auto elettriche, ridurre i costi del 50%. Gli investimenti dovranno essere concentrati sullo sviluppo di soluzioni in grado di ridurre i costi delle batterie di almeno il 50% per veicolo già nella seconda parte del decennio, e di conseguenza garantire prezzi di listino “ragionevoli”. (Ecoo)

Per quanto riguarda la produzione annuale dell'anno fiscale che termina il 31 marzo 2022, l'azienda sta adeguando il volume previsto a 9 milioni di unita', rispetto alla precedente previsione di 9,3 milioni di unita'. (Italia Oggi)

Anche Toyota è vittima del «Chippageddon». Business continuity: l’eredità di Fukushima. Fino ad ora, come detto,Toyota era riuscita a compensare la carenza globale di semiconduttori attingendo dalle proprie riserve. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr