Erdogan-Von der Leyen, una poltrona per due (e un segnale all'Europa)

Erdogan-Von der Leyen, una poltrona per due (e un segnale all'Europa)
IL GIORNO INTERNO

Il tutto, a pochi giorni di distanza dal ritiro della Turchia dalla convenzione internazionale sui diritti delle donne, siglata proprio a Istanbul.

Al colloquio con Erdogan von der Leyen ha dovuto partecipare sedendo su un divano a distanza, invece che in una sedia accanto al presidente turco, come Michel.

Tanto più che sono onorato di partecipare a questo progetto europeo, di cui due grandi istituzioni Ue su quattro sono guidate da donne, Ursula von der Leyen e Christine Lagarde (presidente della Bce)

Ankara (Turchia) - Esplode in Europa il caso Erdogan-Von Der Leyen, dopo che il presidente turco ha negato una sedia all’ospite, facendola sedere su un divano. (IL GIORNO)

Ne parlano anche altre fonti

Il ministro degli Esteri turco rigetta le accuse e prova a mettere fine alle polemiche: "Il protocollo è stato rispettato". "Le richieste e i suggerimenti della parte dell'UE - ha aggiunto - sono state soddisfatte nel protocollo implementato durante la riunione". (Sputnik Italia)

La Turchia: “Seguito protocollo standard”. La Turchia però ha spiegato che "durante la visita è stato seguito il protocollo standard Non si placano le polemiche sull’incidente diplomatico che ha visto coinvolti il presidente Recep Tayyip Erdogan e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e che, sui social, è stato ribattezzato come “sofagate” (VIDEO). (Sky Tg24 )

E tutta la vita merita rispetto. 8 Aprile 2021. Caro direttore,. le invio una mia amara riflessione su quanto è avvenuto al cospetto di Erdogan. (Varesenews)

Il ‘ceffone’ maschilista di Erdogan a Ursula von der Leyen va oltre la politica o la cortesia

Martedì scorso, Charles Michel e Ursula von der Leyen sono andati a trovare Erdogan, su mandato del Consiglio Europeo del 25 marzo, che li ha incaricati di cercare un riavvicinamento condizionato con Erdogan. (Il Fatto Quotidiano)

E chissà che i bifolchi non siano solo quelli che vengono colti in fallo, chissà che non si stia guardando il dito Von der Leyen ha capito al volo e non ha gradito se è vero che il suo portavoce Eric Mamer in conferenza stampa ha raccontato come sia rimasta “sorpresa” e dopo la «sorpresa, Von der Leyen ha deciso di andare avanti, dando priorità alla sostanza dell’incontro più che al protocollo». (left)

Il capo della Commissione Ue avrebbe dovuto fare un gesto forte, non scortese, ma fermo e deciso. Si prenda la deriva politica del governo turco degli ultimi tre lustri. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr