Speranza anticipa le nuove regole: altre 12 regioni in arancione

Speranza anticipa le nuove regole: altre 12 regioni in arancione
RagusaNews INTERNO

I provvedimenti saranno approvati tra giovedì e venerdì per subentrare al Dpcm in scadenza il 15 gennaio.

Ad ogni modo il bianco scatterà “solo a livelli epidemiologici molto bassi, incidenza sotto i 50 casi settimanali ogni 100mila abitanti, Rt sotto 1 e indice di rischio basso”.

Dappertutto sul territorio nazionale continueranno ad essere proibiti i movimenti tra regioni, tranne che per gli ormai noti motivi. (RagusaNews)

Se ne è parlato anche su altri media

Questo significa che l'epidemia in Italia è di nuovo in fase espansiva. Arriveranno venerdì - secondo quanto si apprende - le ordinanze del ministro della Salute Roberto Speranza con le nuove classificazioni delle regioni per fasce di rischio. (Il Giornale di Vicenza)

13 Gennaio 2021 12:22. Nuovo Dpcm, le parole del ministro della Salute Roberto Speranza. “E’ intenzione del governo confermare nel nuovo dpcm l’indicazione a poter ricevere a casa massimo 2 persone non conviventi come gia’ avvenuto durante le vacanze di Natale“. (Stretto web)

Tre punti cruciali per il futuro prossimo dell'Italia sono stati elencati dal ministro della Salute Roberto Speranza nell'informativa alla Camera sulle misure anti-Covid. (gonews)

Coronavirus, le ultime notizie dall’Italia e dal mondo sul Covid

Sono 12 le regioni a rischio alto. Tutto quello che si poteva e si doveva fare per approvvigionarsi del vaccino è stato fatto con attenzione e per tempo”. (Reggionline)

“È difficile però che questa area possa scattare nel breve ma indichiamo un percorso di speranza” ha sottolineato il ministro della Salute che in un altro passagio della sua relazione alla Camera ha ricordato che “Sono 12 le Regioni a rischio alto” che entreranno in zona arancione. (Salernonotizie.it)

Da aprile ci saranno consegne di dosi più abbondanti». Come Commissione Europea «abbiamo comprato tutti i vaccini» contro il Covid «che potevamo». Sarebbe meglio, conclude il professore, «vaccinare un grande numero di persone con una dose singola che un piccolo campione con due dosi. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr