Faida tra rapper, Simba La Rue risponde alle domande del giudice

Faida tra rapper, Simba La Rue risponde alle domande del giudice
LeccoToday INTERNO

Il trapper ha dichiarato di non sapere da chi è stato ferito perché tutte le persone che hanno partecipato all'azione erano bardate.

Nel frattempo l'avvocato di La Rue ha detto che ha avanzato la richiesta di arresti domiciliari.

Lui, come gli altri arrestati, ha sicuramente compreso il disvalore delle azioni, in lui è emerso un sentimento di rammarico"

Simba La Rue, inoltre, ha ammesso di aver partecipato all'aggressione in Porta Venezia "come risposta a quella subita dall'amico a Padova, ma ha escluso categoricamente di voler rapinato le vittime", ha precisato il legale del giovane. (LeccoToday)

Su altre testate

Rappresaglia seguita da una contro-rappresaglia contro un componente di rilievo della banda di Baby Touchè, Benskar Samir, colpito anch'egli a coltellate a Jesolo. Pubblicità. Un discorso che non vale per gli altri che sembrano dare la caccia al trapper veneto. (La Sicilia)

«All’esito di tale consulenza la posizione dell’indagato sotto il profilo dello status libertatis potrà essere rivalutata», si legge nell’ordinanza (Corriere Milano)

Secondo Simba La Rue, tutto è degenerato quando è stato accoltellato a Padova il suo braccio destro, Carter Gapea La pistola. Nel corso dell'interrogatorio, Simba ha anche spiegato la presenza di una pistola in casa sua, rinvenuta nel corso della perquisizione. (ilgazzettino.it)

Milano: faida trapper, Simba La Rue resta in carcere, disposta perizia medica

Nuova operazione alla gamba. Non è detto, comunque, che Simba La Rue resti ancora a lungo in carcere Il manager di Simba La Rue, il 20enne Chakib Mounir detto Malippa, lascia invece il carcere e andrà agli arresti domiciliari. (MilanoToday.it)

I giovani, tutti residenti nel lecchese, hanno dato vita ad agguati, ma anche accoltellamenti e infine sequestri di persona, quest’ultimo nel caso specifico del trapper rivale Baby Touchè, all’anagrafe Mohamed Amagour (Il Sussidiario.net)

Lo ha deciso il gip di Milano Guido Salvini secondo il quale "non appare allo stato credibile" la descrizione di quanto accaduto lo scorso 9 giugno in via Boifava. Il 20enne accoltellato il 15 giugno scorso a Treviolo (Bergamo) ha riportato una grave ferita alla gamba destra che necessita di un nuovo intervento chirurgico (La Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr