Guaio AstraZeneca, code e ritardi per il rifiuto dei convocati: “Vogliono il vaccino Pfizer”

Guaio AstraZeneca, code e ritardi per il rifiuto dei convocati: “Vogliono il vaccino Pfizer”
Il Riformista INTERNO

Di solito il colloquio pre-vaccino dura 3-4 minuti, oggi siamo passati a dieci minuti.

L’Ansa apprende che circa 3000 persone erano state convocate oggi tra Mostra d’Oltremare, Fagianeria del Parco di Capodimonte e Stazione Marittima.

“La persona che entra cerca di convincerci di avere le patologie che gli impongono di avere il vaccino Pfizer.

Se il 94% delle fiale Pfizer è stato somministrato, quelle di AstraZeneca si fermano al 54 per cento, secondo un articolo di La Repubblica

In molti hanno rifiutato il vaccino cercando di convincere i sanitari a somministrare il siero Pfizer-BioNTech, soprattutto. (Il Riformista)

Su altre testate

Con questa nuova dotazione in arrivo nelle prossime ore da Roma abbiamo potuto incrementare l'offerta vaccinale e prevedere il completamento delle prime dosi per gli over 80 entro il 12 aprile, proseguendo parallelamente con la somministrazione delle seconde dose come da programma» ha spiegato. (BisceglieViva)

Sottraendo le dosi già somministrate, la Puglia ha una scorta di circa 235mila vaccini Secondo i dati riportati sul sito del ministero della Salute, la Regione ha ricevuto complessivamente, dal 27 dicembre ad oggi, 889.115 vaccini. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

"Richiami, tutto ciò che è in prenotazione, quello che per la medicina generale è in prenotazione come prime dosi di ultraottantenni e le seconde dosi - ha aggiunto - è assolutamente garantito come promessa. (Il Lametino)

Vaccini arrivano le forniture, il Veneto può respirare: 150mila dosi a settimana

Le dosi di vaccino anti Covid in giacenza all’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro non sono sufficienti, allo stato, per completare il ciclo di chi ha ricevuto la prima dose. A prescindere dalla scorta teorica, nessuno ha una scorta al 50%” (CatanzaroInforma)

Le dosi di vaccino anti Covid in giacenza all’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro non sono sufficienti, allo stato, per completare il ciclo di chi ha ricevuto la prima dose. «Non esiste una promessa non mantenuta e non esiste un appuntamento non garantito e mai esisterà». (Gazzetta del Sud - Edizione Catanzaro, Crotone, Vibo)

Sono 125mila dosi e saranno le uniche per tutta la settimana perché da Moderna e da AstraZeneca, dopo le consegne di sabato scorso, da qui a domenica non giungerà neanche una goccia. Nel giorno in cui il Veneto ha superato il milione di dosi somministrate, è giunta - fortunatamente puntuale - la fornitura del vaccino Pfizer (Il Gazzettino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr