Cambio destinazione d'uso, da casa a studio: quali bonus si possono richiedere?

Money.it ECONOMIA

Quali sono i bonus fiscali che si possono richiedere in caso di cambio destinazione d’uso di un immobile?

Cambio destinazione d’uso di un immobile: si perde il bonus ristrutturazione, sì all’ecobonus. La risposta n. 611 dell’Agenzia delle Entrate richiama, per quanto riguarda i lavori di ristrutturazione, l’articolo 16 bis del TUIR

L’istante vuole portare avanti i lavori di ristrutturazione e di riqualificazione energetica su un appartamento di sua proprietà, cambiandone però la destinazione d’uso e trasformando l’immobile in uno studio professionale. (Money.it)

Su altri media

Le regole generali previste per il bonus ristrutturazione consentono la cessione della detrazione fiscale in eredità esclusivamente a chi dispone dell’immobile. Si perde di conseguenza il diritto a beneficiare del bonus ristrutturazione per le quote di detrazione non fruite dal beneficiario originario e dall’erede (Informazione Fiscale)

Bonus ristrutturazione ed ecobonus, regole differenti in caso di cambio di destinazione d’uso dell’appartamento. Le conseguenze previste in caso di cambio di destinazione d’uso variano in base all’ambito d’applicazione delle due detrazioni fiscali. (Informazione Fiscale)

Cambio di destinazione d’uso, si salva soltanto l’Ecobonus. L’agenzia delle entrate, per quanto riguarda la detrazione fiscale prevista in relazione agli interventi di ristrutturazione edilizia (articolo 16-bis del d. (InvestireOggi.it)

Sono pertanto esclusi gli interventi realizzati su edifici o su parti di edifici non residenziali.È possibile ottenere il bonus ristrutturazioni anche per gli interventi realizzati su un immobile che diventerà ad uso residenziale solo dopo i lavori. (Edilportale.com)

IPA/Fotogramma. L’Agenzia delle entrate dà una precisazione: “È possibile fruire della detrazione d’imposta anche in caso in cui gli interventi riguardino un immobile non residenziale che risulterà con destinazione d’uso abitativo solo a seguito dei lavori edilizi, purché nel provvedimento amministrativo che autorizza i lavori risulti chiaramente che gli stessi comportano il cambio di destinazione d’uso del fabbricato in abitativo" (Sky Tg24 )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr