L'Opinione delle Libertà

L'Opinione ECONOMIA

Via al nuovo digitale terrestre: si è cominciato con la trasmissione di alcuni canali Rai e Mediaset nel nuovo standard Mpeg-4.

Proseguiranno a rimanere visibili per tutti Rai 1, Rai 2, Rai 3 e Rainews 24.

I vantaggi del nuovo digitale terrestre. Con il nuovo digitale terrestre ci sarà una maggiore qualità delle immagini e si potranno ricevere più canali.

I canali interessati al cambiamento. Nel dettaglio, i canali interessati per la Rai sono: Rai 4, Rai 5, Rai Movie, Rai Yoyo, Rai Sport+ Hd, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium e Rai Scuola. (L'Opinione)

Se ne è parlato anche su altre testate

Anche in questo caso il consiglio è di risintonizzare Tv o decoder ed eseguire di nuovo il controllo L'importante, nell'eseguire il test, è che si vedano correttamente Raiuno sul canale 1 e/o Canale 5 sul quinto canale. (LaVoceDiAsti.it)

Per controllare se si ha bisogno di un nuovo digitale terrestre, occorre sintonizzarsi sui canali 501, 502 e 503 L’arrivo del nuovo digitale terrestre sta mandando in confusione centinaia di italiani. (L'Informatore Sannita.it)

Switch off tv e nuovo digitale terrestre, dallo scorso 20 ottobre sono nove i canali Rai e sei quelli Mediaset oscurati dal passaggio dal vecchio al nuovo decoder, e cioè dalla tecnologia Mpeg-2 alla nuova Mpeg-4. (GameGurus)

Per molti italiani è il momento di verificare la compatibilità del proprio televisore con le nuove frequenze ed eventualmente provvedere a cambiarlo, usufruendo del bonus tv. (La Piazza)

Digitale terrestre, ecco come vedere tutti i canali. La data del 20 ottobre rappresenta il primo passaggio verso il nuovo digitale terrestre, con la rivoluzione tecnologica che porterà dei benefici per tutto il paese Partira ieri la nuova era del digitale terrestre: per evitate brutte sorprese fate questi importanti controlli. (Consumatore.com)

Ma c’è un modo per continuare a tenere il vecchio televisore e continuare comunque a vedere i nuovi canali, soprattutto di Rai e Mediaset, che sono passati alla nuova frequenza. Tuttavia, c’è un modo per continuare a tenere il vecchio televisore e non dover affrontare la spesa di uno nuovo. (INRAN)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr