Gli ambulanti di Milano pronti alla protesta: "Fateci tornare a lavorare"

Gli ambulanti di Milano pronti alla protesta: Fateci tornare a lavorare
varesenews.it INTERNO

Riaprire pienamente i mercati e le fiere si può e si deve.

E incontreremo il Prefetto di Milano per spiegare le nostre ragioni.

Una fabbrica al chiuso può far lavorare i suoi dipendenti, anche migliaia, e invece un mercato all’aperto, con i corretti criteri di sicurezza e meccanismi di distanziamento per la clientela, non può lavorare?”

E’ la forma di protesta che Apeca, l’Associazione ambulanti (Confcommercio Milano), promuove con l’obiettivo immediato di far tornare a lavorare tanti operatori drammaticamente fermi. (varesenews.it)

Su altre testate

A Bari circa 300 camion si sono messi in coda attraversando la città fino a fermarsi in sit-in. Sono 16 mila le imprese commerciali interessate, che si considerano "vessate e umiliate dalle politiche scellerate" e trattate come "capro espiatorio del contagio". (La Repubblica)

Un gesto che va oltre la protesta sul campo: “Ieri abbiamo avuto un incontro con il Prefetto d Bergamo Ricci per sottoporre alla sua attenzione la grave situazione che stanno vivendo gli ambulanti – prosegue Dolci -. (BergamoNews)

Abbiamo chiesto al Comune di Lecco di non conteggiare a carico degli ambulanti aderenti penalità o assenze». Fare valere i propri diritti e protestare per la grave situazione economica in cui versano gli ambulanti. (LeccoToday)

Nuova protesta degli ambulanti: 'Domani riapriremo il mercato di piazza Risorgimento'

"Perché molte attività al chiuso restano aperte, giustamente, nel rispetto delle norme di sicurezza, e noi non possiamo fare il mercato che oltretutto è all'aperto?». I mercatali hanno anche incontrato il sindaco di Verbania Silvia Marchionini (La Stampa)

‘Mai più mercati chiusi’, la protesta degli ambulanti dall’Osmannoro al centro di Firenze. Disagi al traffico fiorentino. 1 Visualizzazioni. Firenze, la protesta di tassisti e imprese: corteo di taxi e auto fino in piazza Signoria. (055firenze)

Non solo non stiamo lavorando e abbiamo bollette e tasse da pagare, ma i nostri investimenti sono bloccati nei furgoni La scelta è stata comunicata, questa mattina, durante una nuova protesta in via Bonazzi al Rione Libertà. (NTR24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr