EUTANASIA & CIVILTÀ CATTOLICA/ A chi giova dimenticare Francesco e 'Fratelli tutti”?

EUTANASIA & CIVILTÀ CATTOLICA/ A chi giova dimenticare Francesco e 'Fratelli tutti”?
Il Sussidiario.net INTERNO

La Civiltà Cattolica sostiene la necessità di una legge in tal senso, soprattutto dopo la sentenza della Corte costituzionale.

Ma la vera novità questa volta è determinata da una potenziale divergenza di vedute, esplosa all’interno del mondo cattolico.

Per una parte del mondo cattolico sembra prevalere la pietà verso il malato e quindi l’aiuto a facilitarne la morte.

Per altri esponenti del mondo cattolico sembra prevalere quella solidarietà su cui si fonda la recente enciclica di Papa Francesco: Fratres omnes. (Il Sussidiario.net)

La notizia riportata su altre testate

Alleanza Cattolica, Ass. “Non possiamo rimanere convinti da un articolo pubblicato oggi su La Civiltà cattolica in tema di norme sul suicidio assistito. (Il Timone)

§§§. SE PENSATE CHE STILUM CURIAE SIA UTILE SE PENSATE CHE SENZA STILUM CURIAE L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA AIUTATE STILUM CURIAE! Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, mons. ICS ha letto l’articolo di padre Carlo Casalone sj, che trovate in calce, e ci ha mandato un desolato commento. (STILUM CURIAE)

Mi si faccia l’esempio di un solo caso in cui questa logica del male minore abbia pagato. Ammessi i principi di Padre Casalone una azione politica cattolica, e non semplicemente di cattolici, non è più possibile (La Nuova Bussola Quotidiana)

Flick: suicidio assistito, legge condivisa per stoppare deriva referendaria

Civiltà Cattolica con tutto il rispetto – dice Gandolfini – è comunque un giornale. Per la mia associazione faro di riferimento non è Civiltà Cattolica ma la Samaritanus bonus» (Secolo d'Italia)

E dunque, in attesa di una normativa successiva al risultato del referendum, “anche una persona sana ricadrebbe nello spazio aperto dal referendum”. Partiamo dalla conclusione: dal punto di vista della morale cattolica il progetto di legge sul fine vita non va scartato. (Il Riformista)

Giovanni Maria Flick, presidente emerito della Corte Costituzionale - Imagoeconomica. «Chi si oppone a una legge condivisa, che limiti il suicidio assistito ai casi indicati dalla sentenza della Corte Costituzionale del 2019 rischia di ottenere l’effetto contrario a quello desiderato, spianando la strada all’eutanasia attraverso il referendum». (Avvenire)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr