Torino, fermato il patrigno della bimba morta dopo caduta dal quarto piano

Torino, fermato il patrigno della bimba morta dopo caduta dal quarto piano
Corriere della Sera INTERNO

Si esclude che possa essere caduta da sola e non sembrano nemmeno esserci elementi per un omicidio volontario.

Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 7 del mattino

La newsletter del Corriere Torino Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Torino e del Piemonte iscriviti gratis alla newsletter del Corriere Torino.

Già in passato aveva avuto problemi con la giustizia: ieri mattina era stato condannato a 8 mesi di carcere per detenzione ai fini di spaccio. (Corriere della Sera)

Su altri giornali

La mamma di Fatima, Lucia, che ha un altro figlio più grande, non risponde al citofono Il pm Valentina Sellaroli ha chiesto la convalida del fermo per omicidio volontario con dolo eventuale e la misura cautelare. (L'Unione Sarda.it)

Ultimo aggiornamento: Sabato 15 Gennaio 2022, 18:29 Non so come sia potuto accadere.», ha detto al gip Agostino Pasquariello, nel corso dell'interrogatorio di garanzia, Mohssine Azhar, il 32enne fermato per la morte della bambina di tre anni precipitata da un palazzo del centro di Torino. (leggo.it)

Il compagno della donna, un marocchino di 32 anni che non è il padre della piccola, vive nell'appartamento accanto Fatima, questo il nome della bambina, viveva con la mamma, italiana di 41 anni, nel palazzo di via Milano, a pochi passi dal mercato di Porta Palazzo. (Ansa)

Bambina morta a Torino, l'avvocato del patrigno: non si dà pace

Il difensore del 32enne ha chiesto di cambiare l'ipotesi di reato in omicidio colposo. "Giocavo con Fatima sul balcone. Il pm Valentina Sellaroli ha chiesto la convalida del fermo per omicidio volontario con dolo eventuale e la misura cautelare. (Sky Tg24 )

Il pubblico ministero ha chiesto la convalida del fermo per omicidio volontario con dolo eventuale e la misura cautelare. Il pm ha chiesto la convalida del fermo per omicidio volontario con dolo eventuale e la misura cautelare L’uomo, che stava bevendo con alcuni amici, l’avrebbe presa in braccio e sarebbe andato sul balcone a salutare mamma, al piano di sotto sul ballatoio. (Blitz quotidiano)

Non so come sia potuto accadere», ha raccontato al gip Agostino Pasquariello nell’interrogatorio di garanzia. La sera dell’incidente, la bambina sarebbe arrivata da sola nell’abitazione del patrigno, al piano di sopra, indossando un pigiama e delle calze antiscivolo. (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr