Massimo Ranieri svela un retroscena: “Rimasi traumatizzato quando…”

Massimo Ranieri svela un retroscena: “Rimasi traumatizzato quando…”
Lanostratv CULTURA E SPETTACOLO

La consacrazione di Massimo Ranieri arriva nel 1988 con la vittoria al Festival di Sanremo con la canzone “Perdere l’amore”.

Massimo Ranieri compie 70 anni: Bruno Vespa lo festeggia a Porta a Porta. Domani Giovanni Calone, in arte Massimo Ranieri, festeggerà da solo con una torta al cioccolato nero e una candelina

Massimo Ranieri, ricordando la tournèe del 2007 “Canto perché non so nuotare…da 40 anni”, ha svelato un retroscena:. (Lanostratv)

Su altri giornali

La carriera di Massimo Ranieri. Nato e cresciuto al Pallonetto di Santa Lucia, zona popolare a due passi dal lungomare di Napoli, quinto di otto figli, Massimo Ranieri ha sempre ricordato l'infanzia poverissima nella Napoli del secondo dopoguerra Compie oggi 70 anni uno degli artisti più rappresentativi dell'Italia e soprattutto di Napoli nel mondo: Massimo Ranieri, al secolo Giovanni Calone, è nato infatti nel capoluogo campano il 3 maggio del 1951. (Fanpage.it)

«Io credo che lassù qualcuno aveva scritto già…», cantava Massimo Ranieri in "Vent’anni", vincendo Canzonissima, 50 anni fa. (leggo.it)

Un anno fa, dopo due mesi di pandemia, disse in un‘intervista su Sette, il magazine del Corriere: «Il momento che stavo vivendo era splendido. Come definire un uomo che è insieme cantante, attore di cinema, teatro, fiction tv, conduttore televisivo, regista teatrale, showman, doppiatore e ballerino? (Corriere della Sera)

Massimo Ranieri e la tv, le sue chicche tra show e duetti imperdibili

Visualizza questo post su Instagram Un post condiviso da Massimo Ranieri (@ranieri_official). In occasione del suo settantesimo compleanno, sono stati tantissimi i personaggi dello spettacolo e della televisione che hanno voluto fare gli auguri a Massimo Ranieri (Consumatore.com)

– Oggi, 3 maggio,compie 70 anni. E conclude: “Gli ho chiesto anche poche settimane fa come riesce ad essere sempre così vitale, così entusiasta, così pronto a dare sempre tutto di sé: “L’elisir di giovinezza – mi ha risposto – mi viene regalato dal pubblico (L'Opinionista)

E poi il palcoscenico per eccellenza, quello dell'Ariston in cui nel 1988 ha trionfato "quasi per caso" con 'Perdere l'amore'. E lo ha fatto uno che poteva anche sistemarsi sul piedistallo comodo, agire con relativa fatica citando sé stesso e godersela assai (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr