Omicidio a Messina: clochard assassinata da un altro senzatetto

Il Giorno INTERNO

Miduri è stato trasferito nella notte al carcere di Trapani.

Questa notte i carabinieri hanno fermato un sospettato per la morte della clochard Concetta Gioè, 68 anni, il cui cadavere era stato trovato nella mattinata di ieri.

La clochard, che ha un marito e tre figli, era originaria di Palermo, da dove era andata via scegliendo di vivere in strada

Messina - Era stata trovata morta davanti alla chiesa di Santa Caterina. (Il Giorno)

La notizia riportata su altri media

Il consigliere comunale Salvatore Sorbello è pronto a chiedere con urgenza la convocazione della commissione consiliare ai Servizi Sociali per discutere di una situazione che sembra un'emergenza. Sorbello parla infatti di un'altra morte di un senzatetto avvenuta venti giorni fa. (MessinaToday)

La clochard 68enne è stata colpita da 12 coltellate sulla scalinata della chiesa di Santa Caterina e il suo assassino è stato incastrato dalle telecamere di videosorveglianza. (Fanpage.it)

Miduri, 70 anni, pregiudicato originario di Furci Siculo, nel 1974 si rese autore di un altro omicidio. È stato un commerciante della zona a trovare il cadavere della donna al mattino presto. (AMnotizie.it)

C’è un sospettato per l’omicidio di Concetta Gioè, la donna sessantanovenne, senza fissa dimora, che ieri mattina è stata trovata morta sulle scale della chiesa di Santa Caterina con vistose ferite da taglio al collo. (Lettera Emme)

La clochard, che ha un marito e tre figli, era originaria di Palermo, da dove era andata via scegliendo di vivere in strada Dopo che il gip ha convalidato il fermo, è stato trasferito al carcere di Trapani (La Sicilia)

Dalle immagini non si vede il delitto, ma dopo circa 30 secondi si vede l'uomo allontanarsi con passo spedito con qualcosa in mano. Le telecamere di sicurezza di una struttura della zona lo riprendono mentre con passo incerto si avvicina alla scala sulla quale riposava la donna. (Giornale di Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr