Lo stile Sardine per demonizzare Trump

Lo stile Sardine per demonizzare Trump
Nicola Porro Nicola Porro (Esteri)

La prima cosa che lo “stratega” vuol mettere in chiaro è che i partiti “exist to win elections.

“We don’t win running on mile-high fantasies” non si vince correndo dietro a supersoniche fantasie.

“Listen to Michigan governor Gretchen Whitmer’s response to the president’s State of the Union address this week.

Se ne è parlato anche su altre testate

Il ministro della Giustizia Bill Barr (di nuovo) nella bufera per aver imposto uno «sconto» di pena per Roger Stone, un collaboratore di Trump condannato tre mesi fa per aver mentito al Congresso e ostruito le indagini sul Russiagate. (Corriere della Sera)

Perché quelle labbra – parte d’un volto che, date le circostanze, si può solo definire “di bronzo” – appartenevano, per l’appunto, a Kenneth Starr. Bastava tendere una trappola – spingere Bill Clinton a negare sotto giuramento quella relazione – e, quindi, afferrare la preda. (Il Fatto Quotidiano)

"Quando sto davanti a 50.000 persone, non mi sento tanto così bene", ha detto ironizzando "Avremo da cinque a sette milioni di persone solo dall'aeroporto al nuovo stadio. #TrumpIndiaVisit @sifydotcom cartoon pic. (la Repubblica)

Barr ha anche detto di essere “naturalmente” consapevole che le sue parole potrebbero non piacere al presidente, ma anche il partito repubblicano è preoccupato delle continue interferenze di Trump nelle questioni giudiziarie. (L'HuffPost)

A godere della nuova finanziaria, nel caso venisse approvata, sono invece il settore della Difesa e della sicurezza. Il tutto in un Paese dove circa il 12% della popolazione, 36 milioni di individui secondo gli ultimi dati sul 2018, vivono usufruendo dei cosiddetti food stamps, i buoni pasto del Supplemental Nutrition Assistance Program. (Il Fatto Quotidiano)

Anche lo stesso Trump è intervenuto a smorzare i toni. L’ex sindaco di South Bend, il primo candidato presidente apertamente gay, è stato pubblicamente attaccato dal controverso conduttore radiofonico conservatore Rush Limbaugh, ispiratore di molte cospirazioni cavalcate da Donald Trump e decorato dal presidente nel recente State of the Union con la medaglia della libertà, la più alta onorificenza civile Usa. (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti