Adams, candidato a NY: “Diventeremo il centro mondiale di Bitcoin”

Criptovaluta.it ECONOMIA

Il mondo delle criptovalute è ormai uscito dai sotterranei degli appassionati e oggi domina anche lo scenario politico.

Chi è Eric Adams e perché vuole rendere NYC la capitale mondiale dei Bitcoin. Eric Adams è uno dei candidati alle primarie dei Democratici a sindaco che correrà alla conquista di New York.

Adams: Diventeremo il centro di Bitcoin. Una buona notizia per tutto il comparto, a prescindere da come andrà a finire (anche se le possibilità che Adams vinca, almeno le primarie, sono ora piuttosto alte). (Criptovaluta.it)

Ne parlano anche altre testate

Quest'oggi Bitcoin (BTC) ha perso parte dell'incremento di ieri: un evento che ha spaventato i trader già diffidenti. Source: Bybt.com. Questo, combinato con l'evento di sblocco del Grayscale Bitcoin Trust ($GBTC) programmato per luglio, significa che la pressione di vendita rimarrà parecchio alta nelle prossime settimane (Cointelegraph Italia)

Struttura globale. Considerando la natura senza frontiere della tecnologia blockchain, LBank Exchange non è solo una piattaforma di trading ma anche un ponte per il mercato internazionale. Al momento, LBank Exchange supporta principalmente quattro attività centrali: trading di crypto asset, servizi derivati, strategie a griglia e mining DeFi. (Cointelegraph Italia)

I processi di generazione energetica di Stronghold consentono di riabilitare grandi appezzamenti di terreno devastati dal drenaggio acido del carbone di scarto (AMD). Dopo aver rimosso i residui di carbone, Stronghold ha intenzione di donare il terreno recuperato alle comunità locali. (Cointelegraph Italia)

Le mete più gettonate saranno le nazioni confinanti, con politiche accomodanti nei confronti delle cripto e con un costo dell'energia elettrica preferibilmente basso. La scelta, secondo gli esperti, sarà quindi obbligata: nasceranno hub dediti al minig di bitcoin fuori dai confini cinesi. (Milano Finanza)

Piccolo particolare: con loro sono spariti anche 3,6 miliardi di dollari in Bitcoin . E pensare che già da una settimana prima del (finto) hack i dipendenti della società non avevano più accesso ai dati. (HDblog)

Cosa prevede l’accordo tra Chiliz e il Portogallo. Si tratta di un accordo standard – come gli altri che abbiamo già visto stipulare da Chiliz. Soltanto qualche giorno fa era stato il turno dell’Argentina, altra squadra nazionale di grandissimo spessore e blasone. (Criptovaluta.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr