Liguria, frana il cimitero di Camogli: centinaia di bare precipitano in mare. In corso le operazioni dei Vigili del Fuoco

Liguria, frana il cimitero di Camogli: centinaia di bare precipitano in mare. In corso le operazioni dei Vigili del Fuoco
Thesocialpost.it INTERNO

Lasciano senza parole le immagini che arrivano dalla Liguria, precisamente da Camogli in provincia di Genova: una frana ha destabilizzato il terreno del cimitero sul mare, lasciando cadere a picco oltre 200 bare.

Una scena che però ha lasciato increduli tutti, basiti di fronte ad un’inquietante mare costellato da bare galleggianti

Secondo quanto al momento possibile passare al vaglio, sarebbe stata di fatto una frana a far cedere una larga porzione del cimitero di Camogli, in provincia di Genova. (Thesocialpost.it)

Su altri media

E' stato interdetto l'accesso al cimitero Sul posto al lavoro i vigili del fuoco con i sommozzatori per il recupero delle molte bare finite in mare e la messa in sicurezza di quelle rimaste in bilico. (Adnkronos)

Evidente la frustrazione di chi potrebbe aver perso per sempre i propri cari tumulati in quell’ala del cimitero di Camogli Uno spettacolo terribile: circa duecento bare sono finite in mare e sugli scogli nel primo pomeriggio di ieri, lunedì 22 febbraio 2021, in seguito al crollo di una porzione del cimitero di Camogli, in Liguria. (Prima Vercelli)

Operazione delicata durata oltre due ore. I vigili del fuoco spagnoli hanno salvato un cane randagio che era rimasto intrappolato tra alcune rocce. (LaPresse)

Frana sul cimitero di Camogli, bare in mare: Toti posta il video

Genova, frana al cimitero di Camogli LIVE Genova, diverse bare finite in mare dopo una frana al cimitero di Camogli Posted by Local Team on Monday, February 22, 2021. Fonti di riferimento: Twitter/Emergenza Vigili del Fuoco, Ansa. (greenMe.it)

(Adnkronos). "Nel tardo pomeriggio una frana si è abbattuta sul cimitero di Camogli e sulla strada sottostante, facendo finire circa 200 bare in mare. "Grazie alla nostra Protezione Civile - conclude Toti - e a tutti i soccorritori che stanno già lavorando per mettere in sicurezza al più presto tutta l’area ed evitare ulteriori crolli. (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr