Cartabia alla Camera: «In carcere a Santa Maria ci fu violenza a freddo»

Cartabia alla Camera: «In carcere a Santa Maria ci fu violenza a freddo»
Corriere del Mezzogiorno INTERNO

«I fatti di Santa Maria Capua Vetere hanno sollevato un velo sulle durissime condizioni delle carceri italiane — ha poi aggiunto —.

Su questi ultimi, attendiamo gli sviluppi dell'indagine, prima di altre valutazioni», ha precisato la ministra Cartabia.

Leu: un anno senza interventi. Dopo che la ministra Cartabia ha riferito in aula sui fatti di Santa Maria Capua Vetere e più in generale sulla situazione delle carceri italiane non sono mancate le reazioni

Il Governo ha visto, anche con la visita in prima persona del presidente del Consiglio, i problemi del carcere e non vuole dimenticare». (Corriere del Mezzogiorno)

Ne parlano anche altre fonti

Finora i giudici partenopei hanno convalidato, però, l'impianto accusatorio, confermando molte misure e annullandone alcune sempre per carenza di esigenze cautelari, mai per gravi indizi di colpevolezza. (ilmattino.it)

Marta Cartabia: "A Santa Maria Capua Vetere umiliati i detenuti. "Stando alle immagini risulta che le violenze non fossero la risposta a una rivolta, ma si è trattata di una violenza a freddo", ha proseguito Marta Cartabia. (LiberoQuotidiano.it)

Tragedia in rosticceria a Santa Maria Capua Vetere, 34enne muore davanti ai genitori Una 34enne di Capua (Caserta) è deceduta ieri sera in una rosticceria di Santa Maria Capua Vetere, dove era a cena coi genitori dopo una passeggiata. (Fanpage.it)

Carceri, Cartabia: “A Santa Maria Capua Vetere violenza a freddo, ferita dignità delle persone”

La situazione a Santa Maria Capua Vetere. Nel corso dell'informativa a Montecitorio, Cartabia entra nello specifico dell'istituto in cui si sono verificate le paurose violazioni dei diritti dei detenuti e parla anche del sovraffollamento della struttura, elemento comune a tutto il sistema penitenziario italiano. (Fanpage.it)

La scorsa settimana anche un altro avvocato che assiste diversi agenti, Giuseppe Stellato, aveva posto la stessa questione. Il Riesame ha poi confermato la misura dell’obbligo di dimora per l’ispettore di 52 anni Giuseppe Crocco (difeso da Dezio Ferraro), mentre ha rinviato l’udienza per l’agente ai domiciliari Francesco Vitale, il cui avvocato, Roberto Barbato, ha avanzato medesima questione di qualificazione giuridica del fatto, ritenendo non si trattasse di tortura (CasertaCE)

Così il ministro della Giustizia Marta Cartabia nella sua informativa urgente alla Camera, sui fatti avvenuti nella casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere. “Il carcere è specchio della nostra società ed è un pezzo di Repubblica che non possiamo rimuovere dal nostro sguardo e dalle nostre coscienze”. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr