Il Presidente Cirio interviene sull'andamento epidemiologico in Piemonte

Il Presidente Cirio interviene sull'andamento epidemiologico in Piemonte
https://ilcorriere.net/ INTERNO

“I dati del pre-report settimanale, che verrà validato domani dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità, confermano un progressivo miglioramento della situazione epidemiologica in Piemonte – sottolinea il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio -.

A conferma del quadro in sensibile miglioramento, anche i dati trasmessi oggi a Roma dalla Regione Piemonte vedono l’incidenza scendere sotto il valore soglia di allerta di 250 casi ogni 100.000 abitanti. (https://ilcorriere.net/)

Su altre testate

Sono infatti oltre 58.000 i cittadini che nel primo giorno valido per la pre-adesione alla campagna vaccinale per la popolazione compresa tra i 60 e i 69 anni hanno fatto richiesta di vaccinarsi. In Piemonte il vaccino Astrazeneca verrà somministrato dunque alle persone over 60 anni come da indicazione anche di EMA, mentre chi ha ricevuto la prima dose con il vaccino Astrazeneca anche se con un'età inferiore ai 60anni potrà ricevere la seconda dose con lo stesso vaccino. (TorinoToday)

Canadair in azione per spegnere le fiamme. Fiamme in Val Cannobina, nel Verbano Cusio Ossola, in Piemonte. Le immagini dei residenti della zona. (LaPresse)

Naturalmente il report deve essere validato entro domani dalla Cabina di regia nazionale, ma in base a questi parametri siamo fiduciosi che il Piemonte possa ritornare arancione già dalla prossima settimana. (Radio Gold)

Il Piemonte potrebbe diventare arancione già dalla prossima settimana

Si riduce il numero di nuovi casi segnalati così come quello dei focolai attivi o nuovi. La conferma è arrivata dal Presidente della Regione Alberto Cirio che poi ha aggiunto: “Naturalmente il report deve essere validato entro domani dalla cabina di regia nazionale – ma in base a questi parametri siamo fiduciosi che il Piemonte possa ritornare arancione già dalla prossima settimana. (tgvercelli.it)

La pressione ospedaliera resta alta, ma in fase di stabilizzazione (59% l’occupazione dei posti di terapia intensiva e 67% l’occupazione dei posti letto ordinari)". (newsbiella.it)

A conferma del quadro in sensibile miglioramento, anche i dati trasmessi oggi a Roma dalla Regione Piemonte vedono l’incidenza scendere sotto il valore soglia di allerta di 250 casi ogni 100.000 abitanti. (La Provincia di Biella)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr