Csm: verbale segretato di Amara uscì dalla Procura di Milano nel febbraio 2020

Csm: verbale segretato di Amara uscì dalla Procura di Milano nel febbraio 2020
Rai News INTERNO

Il particolare, di cui dà conto il Corriere della Sera online, è stato confermato all'Ansa da fonti qualificate.

Amara - secondo quanto si spiega stamane su diversi quotidiani - negli interrogatori, in particolare, ha parlato dell'esistenza di una presunta loggia massonica 'Ungheria'

Gli accertamenti che hanno messo al centro la Contrafatto - secondo quanto si è appreso - sono stati avviati dai pubblici ministeri del gruppo "reati in danno della pubblica amministrazione" e nell'incartamento si ipotizza il reato di calunnia. (Rai News)

La notizia riportata su altri media

Di Matteo ha anche aggiunto che nei verbali di Amara ci sono “riferimenti calunniosi” ad un membro del Consiglio Superiore della Magistratura. Quest’ultimo ha anche informato il Quirinale quindi anche Mattarella conosce i verbali devastanti di Pietro Amara. (Quotidiano del Sud)

«Né io né il mio ufficio abbiamo mai avuto conoscenza della disponibilità da parte di Davigo o di altri di copie di verbali di interrogatorio resi da Amara alla Procura di Milano. Storari, però, non vedendo riscontri concreti alle testimonianze di Amara, a marzo del 2020 aveva deciso di consegnare al togato del Csm Piercamillo Davigo questi verbali, non firmati, in formato word, cercando così una tutela. (Il Dubbio)

cronaca. Circolano, ma non sono stati pubblicati, i verbali segreti di interrogatori dell'avvocato Amara che parla di una super-loggia con all'interno magistrati e vertici istituzionali. (TG La7)

Csm, verbali Amara già usciti da Procura Milano?/ 'Uno fu mostrato nel febbraio 2020'

Per due anni, ci hanno fatto credere che il problema fosse un singolo magistrato, Luca Palamara. L'ultima è che del materiale coperto da segreto istruttorio riguardante alcune personalità, non solo della politica, è arrivato al Csm, segnatamente al giudice Davigo. (FirenzeToday)

Una funzionaria del Consiglio superiore della magistratura, Marcella Contrafatto, è indagata ed è già stata sospesa dal Csm e la sua abitazione e il suo ufficio sono stati perquisiti mentre davanti ai magistrati romani si è avvalsa della facoltà di non rispondere. (AGI - Agenzia Italia)

Nel febbraio 2020, infatti, almeno uno dei verbali era nelle mani di Vincenzo Armanna, amico di Amara e co-indagato nel processo Eni-Nigeria. I verbali segreti del controverso Piero Amara erano già usciti dalla Procura di Milano, ancor prima che venissero consegnati a Piercamillo Davigo. (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr