EITAN, NONNO AGLI ARRESTI DOMICILIARI IN ISRAELE/ Indagata anche la nonna materna

EITAN, NONNO AGLI ARRESTI DOMICILIARI IN ISRAELE/ Indagata anche la nonna materna
Il Sussidiario.net INTERNO

Dopo essere stato ascoltato dagli inquirenti, l’uomo è stato messo agli arresti domiciliari fino a venerdì.

Intanto in serata l’ambasciata israeliana ha dichiarato: “Ci occupiamo del caso Eitan in collaborazione con l’Italia“

Poco pericolosa". EITAN, AI DOMICILIARI IN ISRAELE IL NONNO MATERNO. Al sequestro, a detta degli inquirenti, avrebbe preso parte in qualche modo anche la nonna materna, ovvero Ester “Etty” Peleg. (Il Sussidiario.net)

Su altre testate

E il piccolo Eitan si trova proprio a casa sua a Petah Tikva, non lontano da Tel Aviv Anche se è stato riferito che la nonna sarebbe rientrata in Israele prima del giorno del rapimento. (Bluewin)

Il giudice ha anche disposto che Peleg riconsegnasse entro il 30 agosto il passaporto israeliano del nipote, per il quale veniva emesso un divieto di espatrio. E infatti, sabato scorso la donna ha atteso una trentina di minuti prima di chiamare la polizia intorno alle 19. (Corriere della Sera)

Eppure Shmuel Peleg, il nonno israeliano del piccolo, è riuscito ad aggirare i controlli e bypassare la legge, riuscendo a portare il piccolo, soggetto a divieto di espatrio, a Tel Aviv. La nonna di Eitan, Esther Anthen Cohen, aveva accusato la zia paterna del piccolo di vergognarsi di essere ebrea. (Fanpage.it)

Eitan, si muove Israele: il nonno ai domiciliari. L’ex moglie indagata in Italia

Al momento gli hanno chiesto solo di non lasciare il Paese”: a dirlo a Fanpage.it è l’avvocato Paolo Sevesi, legale di Shmuel Peleg, il nonno materno di Eitan, il piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone. (Fanpage.it)

Dall'arrivo in Israele del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone si sa pochissimo, la nonna ha poi rivelato che sta facendo dei controlli all'ospedale Tel Hashomer Voleva tornare in Israele già da molto tempo". (Repubblica TV)

Il nonno Shmuel Peleg, che sabato ha sfruttato la visita di routine per condurre il nipotino in Israele, prelevandolo alla custodia della zia paterna Aya Biran, è stato interrogato ieri dalla polizia di Tel Aviv in seguito alla denuncia per sequestro di minore presentata domenica in Israele dal fratello di Aya, Hagai Biran (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr