Sudafrica in ginocchio: morti e arresti mentre proseguono i saccheggi

Sudafrica in ginocchio: morti e arresti mentre proseguono i saccheggi
Altri dettagli:
Euronews Italiano ESTERI

I saccheggi sono proseguiti anche dopo l’appello alla calma da parte delle autorità e il dispiegamento dei militari, deciso dal presidente Cyril Ramaphosa.

Dall’inizio delle rivolte sono più di 1200 le persone arrestate, la maggior parte a Johannesburg mentre il Sudafrica sta vivendo una pesante crisi economica causata dalle restrizioni anti Covid

Saccheggi, devastazioni di negozi e centri commerciali da Johannesburg a Durban ma la situazione più pesante si registra nella provincia di Kwazulu-Natal, nell'est del Paese. (Euronews Italiano)

Su altri giornali

Rivolte che hanno accompagnato l’incarcerazione dell’ex presidente sudafricano Jacob Zuma. È salito a oltre 200 il numero delle persone morte nei disordini che stanno sconvolgendo da una settimana il Sudafrica, dove l'incarcerazione dell'ex presidente Jacob Zuma, sostenuto dalle fasce più povere della popolazione, ha scatenato un'ondata di incendi e saccheggi. (AGI - Agenzia Italia)

Caos in Sudafrica, Difesa pronta a schierare 25 mila uomini per fermare le rivolte

Il governo del Sudafrica schiererà fino a 25 mila militari per fermare l'ondata di violenze esplosa nelle province di KwaZulu-Natal e Gauteng, dopo l’arresto dell’ex presidente Jacob Zuma. Lo ha annunciato il ministro della Difesa, Nosiviwe Mapisa-Nqakula, nel corso di un’audizione davanti a una commissione parlamentare, secondo quanto ha riportato mercoledì l'agenzia Enca news. (Sputnik Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr