Gli inconvenienti del mestiere dei potenti, quando la folla diventa aggressiva

Gli inconvenienti del mestiere dei potenti, quando la folla diventa aggressiva
Per saperne di più:
Yahoo Finanza ESTERI

E, ancora, otto scenari fatti di immagini che immortalano gli elementi di una storia che va dalla Calabria, passando per Milano, per le banlieu di Pikine, fino alle coste di Dakar

Adnkronos. Un ponte tra Senegal e Italia, F.U.L.A., al secolo Oumar Sall, racconta con l'Ep 'Adouna', in uscita l'11 giugno, il suo viaggio verso casa, l'Africa, da cui è partito quando era piccolissimo con sua madre.

Otto tracce, otto tappe di un percorso scandito dalle parole che l'artista ha scelto per raccontarsi. (Yahoo Finanza)

Su altri giornali

E ha poi allungato la mano a un uomo, in maglietta verde, con occhiali e maschera, pensando che volesse salutarlo. A quel punto è stato strattonato ed è partito lo schiaffo che non è completamente riuscito perché la sicurezza ha subito allontanato il capo dello Stato. (La Repubblica)

Poi è lo stesso presidente a tornare verso la folla dietro le transenne, a dire agli agenti "lasciatelo, lasciatelo" quando vede Damien, 28 anni, il suo aggressore, bloccato a terra. Uno schiaffo in pieno viso, Emmanuel Macron che resta qualche istante un po’ stordito, mentre viene trascinato via e protetto da una delle guardie del corpo. (Quotidiano.net)

L’affronto a Sarkozy. Dalla Francia di Macron a quella di Nicolas Sarkozy, che il 30 giugno 2011 a Brax, nel sud del Paese, si avvicinò troppo ad alcune persone Era il 13 dicembre 2009 e un uomo, prontamente bloccato dalle forze dell’ordine, lanciò contro Berlusconi una statuetta del Duomo. (Corriere del Ticino)

Schiaffo a Macron, uno degli uomini fermati aveva armi e una copia del Mein Kampf

09 giugno 2021 a. a. a. Scene da Far West a Drome, in Francia, con il presidente Emmanuel Macron preso brutalmente a schiaffi in faccia da un giovane anarchico che lo aspettava dietro a una transenna. La Francia, insomma, pare sempre a un passo dalla guerra civile ma c'è anche di che riderne. (Liberoquotidiano.it)

Subito dopo ha aggiunto: «A bas la Macronie», – abbasso il macronismo- uno slogan piuttosto diffuso nelle manifestazioni di protesta in Francia. Macron si stava allontanando dalla folla trattenuta dietro le barriere e stava per rientrare nell’auto che lo attendeva. (Open)

In casa di Arthur, l’amico dello «schiaffeggiatore» che ha colpito ieri il presidente francese Emmanuel Macron, gli inquirenti hanno trovato diverse armi da fuoco e una copia di Mein Kampf di Adolf Hitler, secondo quanto reso noto dall’emittente CNews. (Corriere del Ticino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr