Scuola, nelle Marche un lavoratore su 5 è precario

Scuola, nelle Marche un lavoratore su 5 è precario
AnconaToday INTERNO

Nelle Marche un lavoratore della scuola su cinque è precario: la fetta dei contratti a tempo determinato, sia per i docenti che per il personale Ata, rappresenta infatti un 20% del totale.

Ora questo riconoscimento va concretizzato e tradotto in misure e interventi che assicurino stabilità e continuità al lavoro

È per questo che Flc-Cgil, Cisl-Scuola, Uil-Scuola Rua e Snals-Confsal oggi in piazza ad Ancona hanno dato vita ad un flash mob di protesta per chiedere le modifiche del decreto Sostegni bis. (AnconaToday)

La notizia riportata su altri media

Perché inviare sempre la messa a disposizione. La messa a disposizione può essere inviata tutto l’anno, anche in estate, e i motivi per farlo sono molteplici:. – la mad per i corsi di recupero estivi: finite le lezioni, diversi alunni sono chiamati a recuperare i debiti formativi delle materie dove hanno l’insufficienza. (Orizzonte Scuola)

(LaPresse) – Il Consiglio dei ministri è convocato alle ore 17, a Palazzo Chigi, per l’esame del seguente ordine del giorno: decreto legge su “Disposizioni urgenti in materia di cybersicurezza, definizione dell’architettura nazionale di cybersicurezza e istituzione dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale”, poi disegno di legge delega al Governo “e altre disposizioni in materia di spettacolo”, leggi regionali e infine varie ed eventuali. (LaPresse)

Anno di prova? Ancora un danno per i precari

Secondo voi in questo modo è rispettato il principio delle pari opportunità? Infatti come è facilmente verificabile sono state composte commissioni dove i dirigenti hanno corretto le prove dei propri docenti e docenti che hanno svolto la prova nella loro sede di servizio mentre altri sono stati sbattuti a centinaia di km di distanza. (Tecnica della Scuola)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr