Blitz sulle Coop di Salerno: ai domiciliari consigliere regionale di Campania Libera

La Repubblica INTERNO

Blitz sulle Coop di Salerno: appalti pilotati e voti inquinati, ai domiciliari consigliere regionale Nino Savastano dai nostri inviati Dario Del Porto e Conchita Sannino. Dieci misure cautelari dopo l'inchiesta che svela i rapporti illeciti tra Coop e Comune di Salerno

(La Repubblica)

Ne parlano anche altri giornali

Salernonotizie.it è il primo portale online completamente gratuito di Salerno e provincia. Ogni giorno notizie, curiosità, cronaca, sport e rubriche su Salerno, Napoli, Benevento, Avellino e Caserta. Milioni di news dalla Campania per tenerti sempre aggiornato in modo chiaro e veloce, un occhio vigile sui fatti della tua città (Salernonotizie.it)

Gli agenti della Squadra Mobile questa mattina hanno eseguito altre due misure agli arresti domiciliari per Gianluca Izzo, amministratore di fatto della coop "San Matteo", e Umberto Coscia, suo stretto collaboratore, in seguito alle indagini avviate negli scorsi giorni e guidate dal procuratore Giuseppe Borrelli e dall'aggiunto Luigi Alberto Cannavale. (la Città di Salerno)

Sostanzialmente l'autore del messaggio era autore di vere e proprie minacce rispetto al voto e alla sua capacità di controllo: «So dove votate e non votate…quindi personalmente me li vado a controllare…». (Fanpage.it)

Un uomo-chiave del Comune, un fedelissimo di Vincenzo De Luca che nel 1993, quando per la prima volta diventò sindaco di Salerno, disse che avrebbe fatto piazza pulita mettendo alla porta tutti i volti del passato tra cui, appunto, Marotta come ricorda il Corriere del Mezzogiorno. (L'Occhio di Salerno)

Salerno, minacce sul voto per le Comunali: due arresti in una coop dai nostri inviati Dario Del Porto e Conchita Sannino. Coinvolta la società “San Matteo”. (La Repubblica)

Mi meraviglio della meraviglia che in ambienti Pd si avverte a proposito dell'arresto a Salerno di un consigliere regionale della Campania legatissimo al presidente Vincenzo De Luca e dello spaccato impressionante che del governo della seconda città campana emerge dall'ordinanza che ha coinvolto 29 indagati, accusati di aver manipolato appalti pubblici a fini di arricchimento personale e di consenso elettorale (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr