Cairo contro la Superlega: "Vuol dire sovvertire tutto per diritto divino"

Cairo contro la Superlega: Vuol dire sovvertire tutto per diritto divino
Milan News SPORT

Aver pensato quel tipo di competizione è una cosa molto grave.

Urbano Cairo, presidente del Torino, ha presenziato oggi al settantaduesimo anniversario della tragedia del Grande Torino a Superga.

Vuol dire sovvertire tutto per diritto divino, non va bene.

Nel corso dell'intervista concessa al termine della commemorazione, si è parlato anche della Superlega: "Domani assemblea ed è all’ordine del giorno l’esame di ciò che è successo. (Milan News)

Se ne è parlato anche su altri giornali

“E’ una persona splendida, un ragazzo d’oro – ha detto il patron granata a margine delle celebrazioni su Superga, dopo la lettura dei nomi di Mazzola e compagni. Dopo squadra e tifosi, dunque, il tecnico ha conquistato anche il presidente: la strada, adesso, sembra essere un po’ meno in salita (Toro.it)

Abbiamo rimontato tante volte, la squadra ha dato segnali forti. “Anche ieri ha fatto un bel gol, ma era in fuorigioco, e ha preso un palo, oltre a darsi molto da fare. (Fiorentina.it)

Nel corso dell’intervista riportata dall’ANSA concessa al termine della commemorazione, si è parlato anche della Superlega: “Domani assemblea ed è all’ordine del giorno l’esame di ciò che è successo. (Fiorentina.it)

Cairo a Superga legge i nomi degli Invincibili

Urbano Cairo, presidente del Torino, ha presenziato oggi al settantaduesimo anniversario della tragedia del Grande Torino a Superga. Aver pensato quel tipo di competizione è una cosa molto grave. (Tutto Napoli)

«È un giorno speciale, in cui bisogna riflettere, una giornata molto importante per tutti e soprattutto per i parenti delle vittime - aggiunge Cairo - e dobbiamo cercare di essere sempre alla loro all'altezza perché hanno fatto qualcosa di speciale» (Corriere della Sera)

In un 4 maggio normale quel suono avrebbe anticipato la lettura dei nomi sulla lapide, in questo la fine dell’omelia. La voce allora l’ha prestata Urbano Cairo, il primo presidente dopo Ferruccio Novo (quello del Grande Torino) a scandire i nomi incisi sulla lapide di Superga. (GianlucaDiMarzio.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr