Dakar 2022, è Al Attiyah il principe del deserto. La tappa finale è di Lategan

Dakar 2022, è Al Attiyah il principe del deserto. La tappa finale è di Lategan
La Gazzetta dello Sport SPORT

DAKAR 2022.

Terzo, a 1h01’13” chiude l’eroe di casa, Yazeed Al Rajhi con la Toyota davanti all’altro Hunter dell’argentino Orlando Terranova.

Il qatariota fa sua la classifica finale davanti a un Sebastian Loeb che non è mai riuscito a impensierirlo davvero.

DAKAR 2022, HENK LATEGAN, LA SPECIALE È SUA — Nell’ultima speciale a vincere è ancora una volta il sudafricano Henk Lategan con la Toyota, che per 49” nega a Peterhansel la 50a tappa conquistata in auto. (La Gazzetta dello Sport)

La notizia riportata su altri giornali

Dopo una gara estenuante, l’ultima tappa della Dakar 2022, da Bisha a Jeddah, Sam Sunderland è il vincitore della Dakar per la categoria delle moto. La stagione è stata dura, difficile, ma quando vinci la Dakar, significa che ne è valsa la pena“ (OA Sport)

Moto: Van Beveren torna al comando, Petrucci 11° di tappa. Ennesimo ribaltone invece nella categoria delle due ruote, che ha visto imporsi nella tappa odierna l'australiano Toby Price (KTM), con Danilo Petrucci (KTM) undicesimo a 7'53". (La Repubblica)

La Tappa 11 è partita da Bisha, dirigendo la carovana verso nord per entrare nella provincia della Mecca, prima di virare e tornare verso Asir, all’estremità sud-occidentale del regno. Per il team Bahrain Raid Xtreme Nani Roma è quinto di tappa davanti alla prima Toyota Hilux ufficiale, quella di Giniel De Villiers. (HDmotori)

Dakar 2022 / Auto, Al-Attiyah: “Fatto un grande lavoro per vincere”

Questa sera collegamento alle 19 con i nostri inviati in Arabia (Piero Batini e Franco Acerbis) e in Italia (Andrea Perfetti) per commentare la vittoria finale di Sam Sunderland con la sua GasGas e per fare un bilancio di un'edizione che ha fatto riscoprire al mondo (e grazie a Danilo Petrucci, a Franco Picco e a tutti gli altri eroi nostrani anche all'Italia) il fascino di questa straordinaria competizione. (Moto.it)

Airoh ha già partecipato più volte a questa competizione e già in molteplici occasioni dei piloti con indosso il leggendario Aviator hanno conquistato il podio di questa avventurosa sfida nel deserto. Un inizio anno scoppiettante grazie alle prestazioni di grandi piloti con carriere davvero incredibili, su cui vale la pena soffermarsi (Moto.it)

Toyota Gazoo Racing ha fatto un grande lavoro nello spazio di un anno per la costruzione di questa nuova auto. Con Matthieu Baumel – suo co-pilota – e tutta la squadra, abbiamo fatto un ottimo lavoro per vincere. (FormulaPassion.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr