L'incubo è finito solo dieci anni dopo: Beppe Signori assolto per il caso calcioscommesse

L'incubo è finito solo dieci anni dopo: Beppe Signori assolto per il caso calcioscommesse
TUTTO mercato WEB SPORT

Ill Tribunale di Piacenza ha assolto con formula piena l’ex capitano rossoblù dall’accusa di aver truccato il risultato della sfida tra Piacenza e Padova dell’ottobre 2010 (nel filone piacentino dell’inchiesta).

L'ex calciatore di Foggia, Lazio e Bologna aveva rinunciato alla prescrizione ed è stato scagionato perché "il fatto non sussiste".

"Dopo dieci anni è finita, anche se io e il mio avvocato non avevamo mai avuto dubbi sulla mia innocenza", ha dichiarato Signori all'uscita dal Tribunale. (TUTTO mercato WEB)

Ne parlano anche altre testate

Qui il racconto della vicenda di Beppe Signori. OMNISPORT | 23-02-2021 17:00 Signori, che aveva rinunciato alla prescrizione, è stato assolto con formula piena perchè il fatto non sussiste. (Virgilio Sport)

Lo ha deciso il tribunale di Piacenza assolvendo con formula piena l’ex attaccante che in passato ha vestito anche la maglia di Bologna e Foggia. L’ex attaccante aveva rinunciato alla prescrizione, contrariamente a quanto aveva deciso di fare nel procedimento principale di Cremona chiuso nel dicembre scorso (AreaNapoli.it)

Signori, fu radiato da ogni categoria dalla giustizia sportiva, e ora che ha dimostrato la sua innocenza auspica di essere “riabilitato” anche in questo ambito L’ex calciatore Beppe Signori è stato assolto dall’accusa di aver truccato il risultato della gara tra Piacenza e Padova (giocata il 2 ottobre 2010 e terminata 2-2). (L'HuffPost)

Calcioscommesse, Beppe Signori assolto: “Dopo 10 anni è finita. Vittoria nettissima”

Vittoria nettissima senza se e senza ma!! Dopo aver scelto di rinunciare alla prescrizione, Signori può finalmente esultare: «Dopo dieci anni è finita anche se io e il mio avvocato non avevamo mai avuto dubbi sulla mia innocenza (L'Eco di Bergamo)

Il Tribunale di Piacenza ha assolto con formula piena Giuseppe Signori. La partita era una delle tante su cui si è indagato nell'inchiesta calcioscommesse della Procura di Cremona (San Marino Rtv)

L’ex attaccante aveva rinunciato alla prescrizione, contrariamente a quanto aveva deciso di fare nel procedimento principale di Cremona chiuso nel dicembre scorso. P. (Non per insufficienza di prove)!”, ha commentato l’ex attaccante della Nazionale, che oggi ha 53 anni, sulla sua pagina Instagram (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr