Eurostat: il Pil dell'Italia cresce del 2,7%. Fa meglio di Germania (1,5%) e Francia (0,9%) - PRIMAPRESS.IT

PrimaPress ECONOMIA

- (PRIMAPRESS)

In eurozona, infatti, fa meglio di Germania (1,5%) e Francia (0,9%) e quasi come la Spagna(2,8%).

Tra gli altri Paesi, Portogallo (+4,9), Austria (+4,3%), Lettonia (+3,7%), Lituania (+0,4%) e Repubblica Ceca(+0,6%) "Le prime stime Eurostat sul II trimestre danno una crescita superiore alle previsioni e trainata da Spagna e Italia"commenta Gentiloni,Commissario Ue.

(PRIMAPRESS) - ROMA - Con una crescita del Pil stimata da Eurostat nel II trimestre di 2,7% rispetto al I trimestre, l'Italia cresce meglio di Germani e Francia nell'Ue. (PrimaPress)

Se ne è parlato anche su altri media

La Germania in questo modo scongiura la recessione dopo la battuta d’arresto di inizio d’anno dovuto alla pandemia. Nel secondo trimestre del 2021 l’Istat stima un aumento del 2,7% rispetto al trimestre precedente e del 17,3% in termini tendenziali in riferimento allo stesso trimestre del 2020, quando crollò di più del 12%. (quoted business)

Nel trimestre, la performance dell’economia italiana è stata circa in linea con quella spagnola (2,8% t/t) e decisamente migliore rispetto a Germania (1,5% t/t) e Francia (0,9% t/t).Per i prossimi trimestri sarà essenziale la parabola della risalita dei contagi dettata dal diffondersi della variante delta. (Finanza.com)

Sorpresa positiva dal Pil dell’Italia che nel secondo trimestre ha accelerato più del previsto, dando un segnale incoraggiante riguardo la ripresa economica in atto dopo un inizio 2021 in lieve recupero. (Wall Street Italia)

Anche dal turismo, dopo due mesi sotto tono, arrivano segnali incoraggianti per il periodo di agosto. Un clima positivo e di miglioramento generale delle prospettive, dunque, su cui però pesano dubbi ed incertezze legate all’andamento della situazione sanitaria (AGIMEG)

La crescita si registra anche in termini congiunturali, con un prodotto interno lordo in progresso del 2,7% nel secondo trimestre del 2021. Dati meno incoraggianti per la Germania, dove il prodotto interno lordo nel secondo trimestre dell'anno, secondo la stima preliminare, si è espanso solo dell'1,5% (Milano Finanza)

Un clima positivo e di miglioramento generale delle prospettive, dunque, su cui però pesano dubbi ed incertezze legate all’andamento della situazione sanitaria Così l’Ufficio economico Confesercenti commenta i dati diffusi oggi da Istat sulle stime preliminari dell’andamento del Pil nel secondo trimestre. (ilMetropolitano.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr