Saipem torna sotto quota 2 euro, gli ultimi giudizi degli analisti

Wall Street Italia ECONOMIA

Di tutt’altro avviso gli esperti di Jefferies, che sul titolo mantengono un rating “underperform”, con un prezzo obiettivo a 1,3 euro

Saipem, il giudizio degli analisti sul titolo. Di fronte al crollo del titolo di ieri, il Ceo di Saipem, Francesco Caio, ha spiegato: “E’ il mercato che decide.

Lo stesso rating è stato confermato da da Intesa Sanpaolo, con un target price a 2 euro.

Resta positivo il giudizio di Kepler Cheuvreux, che ha ribadito il rating “buy” su Saipem, con un fair value a 2,8 euro. (Wall Street Italia)

Se ne è parlato anche su altre testate

La società di ingegneristica ha segnalato che il piano ha l’obiettivo di ridurre la base costi complessiva di circa 100 milioni di euro nel 2022, che saliranno progressivamente a circa 300 milioni annui a regime nel 2025. (SoldiOnline.it)

Male invece Saipem, crollata in borsa del 10,98% a 1,94 euro complice il deludente l'Ebitda adjusted, negativo per 25 milioni, in deciso peggioramento rispetto ai +136 milioni dell'anno prima Dal fronte macro parziale delusione dal PIL statunitense, cresciuto a un tasso annualizzato del 2% nel terzo trimestre del 2021, in forte decelerazione dalla crescita del 6,7% registrata nel secondo trimestre. (Yahoo Finanza)

Entrando nella strategia bisogna guardare al nuovo modello organizzativo che è declinato in quattro aree di business. Bisogna ricordare che nel settore dell’energia eolica flottante, Saipem ha acquisito di recente attività di Naval Energies. (L'HuffPost)

E' quanto ha spiegato, illustrando il piano strategico 2022 – 2025 presentato durante il capital market Day.Per fare questo - ha spiegato il numero uno dell'azienda - c'èche consenta a Saipem di essere un player resiliente e profittevole nella transizione energetica. (Teleborsa)

Il Ftse Mib a fine giornata fa registrare un rialzo a quota 26.890 punti (+0,31%). Il PEPP a detta degli analisti sarà gradualmente ridotto a partire da gennaio 2022 e portato a termine a marzo. (Finanzaonline.com)

TIM UTILE NETTO IN CALO. L’utile netto del gruppo Tim nei primi nove mesi del 2021 si attesta a 22 milioni di euro, in netto calo rispetto ai 1,178 miliardi di euro dello stesso periodo del 2020. Tim e Saipem pesanti in Borsa dopo i conti. (Yahoo Finanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr