Banche, gli stress test Eba promuovono in media le banche Ue, Mps all'ultimo posto

la Repubblica ECONOMIA

E' questa l'indicazione che fornisce l'Eba commentando i risultati aggregati degli stess test sulle banche europee comunicati oggi.

Ma, aspetto positivo, le "banche hanno concluso l'esercizio con un CeT1 ratio superiore in media al 10 per cento".

"Il rischio di credito rimane il driver principale, ma c'e' un impatto maggiore sul margine di interesse rispetto ai precedenti stress test", segnala l'Eba. (la Repubblica)

Su altri giornali

Bene Unicredit, Intesa e Banco Bpm. Stress test in gran parte positivo per le banche italiane, seppure come previsto con l’eccezione di Mps. Mps, si diceva, ha registrato il peggior risultato tra le 50 banche europee sottoposte dall’Eba allo stress test (Finanza Report)

– Intesa Sanpaolo è stata ‘promossa’ agli stress test dell’Eba, così come Unicredit, Banco Bpm e Mediobanca, mentre il Monte dei Paschi è risultata la peggiore tra le 50 banche europee esaminate nell’esercizio dell’autorità. (EOS Sistemi avanzati scrl)

Come era ampiamente preventivato, nonostante le indiscrezioni ottimistiche di chi intravedeva segnali positivi che avrebbero scacciato qualche nube sull’orizzonte, il Monte dei Paschi ha registrato il peggior risultato tra le 50 banche europee sottoposte dall’Eba allo stress test. (LA NAZIONE)

Infine, Banco Bpm vedrebbe ridursi il suo Cet1 fully loaded dal 13,23% di fine 2020 al 7,02% a fine 2023 Tutt’altra musica al tavolo degli stress test europei, dove la fragilità della banca senese, che è risultata la peggiore tra 50 istituti di 15 Paesi del Vecchio continente, è emersa in tutta la sua evidenza. (FIRSTonline)

La Banca coglie l’occasione per ricordare agli investitori la presentazione dei risultati 2Q21 e 1H21 che si terrà giovedì 5 agosto 2021 alle 16:30 CEST (15:30 BST, 10:30 EDT)”. Le banche passano lo ‘stress’ test, anche le italiane che si posizionano poco sotto la media europea tranne Mps che ha registrato il peggior risultato tra le 50 banche europee sottoposte dall’Eba all’esame. (RadioSienaTv)

Mediobanca sarebbe, fra gli istituti italiani, quella a mantenere il coefficiente più alto anche in caso di shock economici: a regime, al 2023, sarebbe pari al 9,73% nello scenario avverso. Peggiore il risultato di Banco Bpm: il Cet1 dell’istituto scenderebbe dal 13,23% di fine 2020 al 7,01% di fine 2023. (L'agone)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr