Tragedia nel Motocross: è morto Alberto “Wey” Zapata

Tragedia nel Motocross: è morto Alberto “Wey” Zapata
Motosprint.it SPORT

Tragedia nel motocross: è morto Sebastian Fortini

Uno dei piloti che lo seguivano non è riuscito ad evitarlo e lo ha travolto, uccidendolo sul colpo.

Si tratta del 23enne sudamericano Alberto “Wey” Zapata, deceduto nel crossodromo di San Augustin nella provincia di Cordoba.

Zapata ha perso l’equilibrio su un salto ed è caduto per terra.

E quella che poteva essere una giornata di rivalsa, grazie alla sua grande passione per la moto ed il Motocross , si è trasformata in tragedia. (Motosprint.it)

Su altre fonti

Il tragico incidente è avvenuto meno di cinque mesi dopo aver sfiorato la morte quando, il 15 novembre 2020, dopo aver perso il controllo della sua Chevrolet Corsa Classic, la sua auto si andò a schiantare contro le barriere su una strada principale a sud della città argentina di San Juan. (Sport Fanpage)

Alberto Zapata ha fermato in quel punto esatto la sua vita Zapata: l’incidente mortale in pista. Per un pilota, per un altro pilota avrebbe significato finirla lì. (Virgilio Sport)

Addio a Wey Zapata. Aveva soltanto 23 anni e, dopo avere subito l’amputazione di un braccio a causa di un incidente, era tornato in sella con coraggio. (Sportal)

Motocross, follia in Argentina: lo fanno correre senza un braccio, muore pilota

Aveva battuto la sfortuna, riuscendo a tornare in sella ad una moto pur ritrovandosi a guidare con un braccio solo. A novembre, vittima di un incidente d’auto, si era salvato grazie al pronto intervento di una infermiera: i medici erano però stati costretti ad amputargli il braccio sinistro. (QUOTIDIANO.NET)

L’incidente in strada A novembre 2020 Zapata era stato coinvolto in un incidente d’auto nel Sud del Paese mentre era a bordo della sua Chevrolet. La passione sa essere forte almeno quanto il destino, ma non sempre la fortuna viaggia di pari passo con il valore. (Corriere della Sera)

È praticamente impossibile, soprattutto se si pretende di competere con altri piloti”, ha spiegato Terranova. Lo scorso 4 marzo aveva ottenuto un podio e due settimane dopo era anche tornato ad assaporare il gusto della vittoria. (La Gazzetta dello Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr