Covid, Fda dà l'ok al richiamo del vaccino Johnson & Johnson “dopo almeno due mesi dalla prima dose”

la tribuna di Treviso ECONOMIA

Questi tre gruppi sono stati divisi ciascuno in tre nuovi gruppi ai quali è stato somministrato uno dei vaccini disponibili come richiamo.

Leggi anche Covid, scendono ancora gli indici: da 6 settimane la curva dei contagi è in calo, i dati regione per regione

Lo studio è stato condotto su 458 adulti vaccinati con uno dei tre sieri approvati negli Stati Uniti (Pfizer, Moderna o J&J) da almeno 12 settimane. (la tribuna di Treviso)

Su altri media

Il dottor Anthony Fassi ha detto domenica al comitato consultivo della FDA Booster consigliati per il vaccino one-shot di Johnson & Johnson Crede che avrebbe sempre dovuto essere una regola delle due dosi. (Napoli Calcio Mania)

“Penso che chiunque abbia ricevuto una singola dose del vaccino Johnson & Johnson possa beneficiare di una seconda dose del vaccino Johnson & Johnson”, ha affermato il dott. Il Dr. Ashish Ja crede che il vaccino Johnson & Johnson sia “probabilmente un vaccino a due colpi”. (http://www.calciomercatot8.com/)

Non appena approveranno la terza dose, la raccomanderemo L’approvazione di una terza dose di vaccino in Svizzera sarebbe “nelle fasi finali”, secondo quanto riferisce il Blick citando fonti interne a Swissmedic, che è responsabile dell’approvazione. (laRegione)

J&J aveva chiesto alla Food and Drug Administration flessibilità per il suo richiamo, sostenendo che la dose extra aggiunge un'importante protezione già due mesi dopo la vaccinazione iniziale, ma che potrebbe funzionare meglio si aspetta fino a sei mesi. (La Stampa)

(Adnkronos – Salute) Secondo gli esperti, riferisce il ‘Washington Post’, il richiamo del vaccino monodose sviluppato da Janssen può essere somministrato alla popolazione over 18 una volta trascorsi almeno 2 mesi dalla prima dose. (Padova News)

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, [email protected], +48587696613) REUTERS/Dado Ruvic. (Reuters) - La Food and Drug Administration (Fda) degli Stati Uniti ha rinviato la decisione sull'autorizzazione alla somministrazione del vaccino Moderna agli adolescenti, per valutare se il vaccino possa comportare un maggiore rischio di infiammazione cardiaca. (Investing.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr