FdI, Meloni: "Frasi Michetti sulla Shoah infelici, ha fatto bene a chiarire"

Rai News INTERNO

FdI, Meloni: "Frasi Michetti sulla Shoah infelici, ha fatto bene a chiarire" La leader di Fratelli d'Italia alla convention di Vox a Madrid. Condividi. "Sono frasi molto infelici, ha fatto benissimo Enrico Michetti a chiarire immediatamente la sua posizione e ribadire la sua totale lontananza da ogni forma di antisemitismo, la sua totale solidarietà ad Israele".Così la leader di FdI Giorgia Meloni che aggiunge: "Mi pare che abbia usato parole abbastanza chiare. (Rai News)

Su altre testate

E ancora: “La Shoah è stata unica nella sua disumanità, il punto più basso della storia. (Virgilio Notizie)

«La destra italiana ha candidato a sindaco della Capitale d’Italia un antisemita come Michetti», ha rincarato Andrea Romano del Pd. «Ogni anno si girano e si finanziano 40 film sulla Shoah, viaggi della memoria, iniziative culturali di ogni genere nel ricordo di quell’orrenda persecuzione — scriveva Michetti — . (Corriere Roma)

E conclude rivolgendosi direttamente a Michetti: “Spero che ti vergognerai per il resto della tua vita di queste parole. Prima aveva dichiarato di voler “abbassare i toni” e parlare solo dei problemi di Roma, poi aveva sottolineato che la Shoah è “il punto più basso toccato dalla storia”. (Il Fatto Quotidiano)

E quindi può esprimersi senza problemi sull’operato dell’amministrazione uscente: “Nell’incontro che ho avuto con la sindaca Raggi ho visto, senza pregiudizi, che ha operato bene in alcuni campi. In vista del ballottaggio Enrico Michetti è convinto di poter trovare voti anche pescando nel corposo bacino di preferenze che al primo turno è andato alla sindaca uscente Virginia Raggi. (LaPresse)

Tra pochi giorni, il 16 ottobre, cadrà il 78esimo anniversario del rastrellamento del ghetto da parte delle forze nazifasciste, durante la Seconda Guerra Mondiale. Io sono contro la violenza, figuriamoci quella barbarie che hanno subito”, ha dichiarato il candidato sindaco di Roma del centrodestra parlando del quartiere ebraico della Capitale, a margine di un’iniziativa elettorale a piazza di Pietra. (LaPresse)

Poi sono arrivate le scuse: "Nonostante abbia con fermezza condannato ogni forma di discriminazione razziale, mi rendo conto di aver utilizzato con imperdonabile leggerezza dei termini che alimentano ancora oggi storici pregiudici e ignobili luoghi comuni nei confronti del popolo ebraico" ha detto il candidato di centrodestra dopo le critiche ricevute, aspirante sindaco al ballottaggio alle elezioni comunali con il candidato di centronistra Roberto Gualtieri. (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr