Scuole d'estate, il piano Draghi bocciato da tutti: contrario l'80% degli studenti - I ragazzi appoggiati da genitori e insegnanti

Scuole d'estate, il piano Draghi bocciato da tutti: contrario l'80% degli studenti - I ragazzi appoggiati da genitori e insegnanti
IlCorrierino.com INTERNO

L'iniziativa è stata lanciata da una manciata di giorni e solo ora gli istituti potranno presentare un eventuale piano operativo.

Al momento, appena 1 scuola su 10 ha comunicato agli studenti e alle famiglie l'intenzione di voler aderire.

I ragazzi, inoltre, sembrano essere appoggiati anche dalle mamme e dai papà.

Il Piano appena ufficializzato dal ministero dell'Istruzione, che prevede l'apertura degli istituti durante i mesi estivi, non sembra infatti scatenare l'entusiasmo di nessuno: studenti, docenti e genitori. (IlCorrierino.com)

Se ne è parlato anche su altri giornali

“Per il secondo anno consecutivo celebriamo il 1° maggio senza il tradizionale corteo, senza i concerti in piazza, senza l’allegria delle bandiere ed il gusto di ritrovarsi assieme a camminare lungo quella che il ministro dell’istruzione ha chiamato la via sacra della Repubblica (25 aprile, 1° maggio, 2 giugno). (Tecnica della Scuola)

Gli scrutini saranno la base per l’avvio del Piano Scuola Estate, per poter, a seguito della valutazione ed autovalutazione degli studenti, costruire percorsi personalizzati per ogni studente. Il Piano scuola estate, già finanziato dal Ministero, verrà attuato gradualmente, a seconda delle vocazioni e delle disponibilità dei vari Istituti scolastici sui territori ed in maniera integrata con le iniziative degli enti locali. (ForlìToday)

Per gli allievi i maggiori contagi si registrano nelle scuole primarie (507) e nella secondaria di secondo grado (495); per il personale scolastico i casi in maggior numero so o nella scuole dell’infanzia (60) e in quella primaria (55). (Orizzonte Scuola)

Scuola Estate 2021, se non interessa perché farla?

Oggi è la festa delle lavoratrici e dei lavoratori! Questo è l’augurio, pubblicato sui social, del Ministero dell’Istruzione ai lavoratori che prestano servizio nelle istituzioni scolastiche. (Tecnica della Scuola)

Dai risultati è possibile notare che la triade docenti-genitori-studenti è in larga parte disinteressata a prendere parte al piano. Al sondaggio hanno partecipato 4.447 lettori, suddivisi tra docenti (67.1%), genitori (22.9 %), studenti (7.8%) e personale Ata (1.5%). (Tecnica della Scuola)

Il che in soldoni significa una riduzione dei posti comuni di 650 unità, di cui 486 posti di Itp e 164 posti per docenti laureati E tutto ciò in volontariato impegno di presenza dei docenti: “[…] chiedono di presenziare come asili e campi scuola all’intrattenimento dei ragazzi […]”. (La Tecnica della Scuola)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr