Figli d'arte, lavoro, guerre: i 65 giocatori all'Europeo con il doppio passaporto

Figli d'arte, lavoro, guerre: i 65 giocatori all'Europeo con il doppio passaporto
La Gazzetta dello Sport SPORT

Non c’è un Paese organizzatore, o due, ma undici.

Scelte di vita, cambi di maglia a carriera iniziata e non solo.

Un’idea, quella del movimento, ben rappresentata anche dalle storie dei giocatori

I motivi del trasferimento sono tanti e riguardano il 10% dei convocati. Mai un Europeo è stato tanto europeo.

Le frontiere vengono abbattute, l’idea, in parte frustrata dal Covid, era quella di vivere un mese di migrazioni calcistiche: tifosi e squadre fluttuanti per il continente. (La Gazzetta dello Sport)

Se ne è parlato anche su altri media

Intanto manca sempre meno al calcio d’inizio di Euro 2020 Ci risiamo, l'errore è stato notato a Roma su uno dei cartelloni di Euro 2020, contentente le prescrizioni da seguire per la normativa anti-Covid. (il Giornale)

Bergomi: «Vi svelo il mio pronostico sugli Europei»

Beppe Bergomi ha parlato dell’Italia di Roberto Mancini in vista dell’inizio di Euro 2020 svelando anche il suo pronostico. Beppe Bergomi, storico ex difensore dell’Inter, ai microfoni di Radio 24 ha parlato dell’Italia in vista dell’inizio di Euro 2020. (Milan News 24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr