Trasporti, domani sciopero nazionale taxi

Trasporti, domani sciopero nazionale taxi
Adnkronos INTERNO

La protesta a cui tutte le sigle sindacali di categoria hanno aderito culminerà con un corteo a Roma dei tassisti provenienti da tutta Italia.

Confermato per domani lo sciopero nazionale dei taxi.

Auto bianche ferme dalle 8 del mattino e fino alle 22.

Nel mirino il Ddl concorrenza sul riordino dei servizi di mobilità urbana

(Adnkronos)

Su altri giornali

Lo faranno a Roma, mercoledì 24 novembre con uno sciopero generale che vedrà la partecipazione di tutte le sigle sindacali e di operatori del settore provenienti da tutta Italia. Il volantino che lo accompagna recita:. (Prima Merate)

Le iniziative di protesta - spiegano ancora una volta i sindacati dei taxi - proseguiranno fino a quando "l'articolo 8 del ddl concorrenza non sarà ritirato e non saranno emanati i decreti attuativi della legge 12 del 2019". (Rai News)

La protesta, confermano i sindacati, culminerà con un corteo a Roma in mattinata al quale parteciperanno i tassisti provenienti da tutta Italia. onfermato lo sciopero generale dei taxi per mercoledì 24 ottobre dalle 8 alle 22. (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

Domani, 24 novembre, sciopero nazionale dei taxi

È un accanirsi contro la nostra categoria, è arrivato il momento di dire basta. Lo sciopero è solo la prima iniziativa, non ci fermeremo qui", aveva spiegato Walter Drovetto, vice segretario nazionale Ugl Taxi, spiegando le motivazione dello sciopero (Sky Tg24)

Disagi sono previsti in tutte le principali città italiane: sono garantiti solo i servizi minimi essenziali. "La nostra Costituzione è fondata sul lavoro e non sull'intermediazione del lavoro - evidenzia il presidente del Radio Taxi 4242 - (La Nazione)

Azione ingiusta perché, come è noto, la direttiva europea Bolkestein esclude il servizio taxi dal campo della concorrenza, poiché inquadrato come servizio pubblico essenziale. La protesta delle auto bianche è principalmente contro il riordino dei servizi di mobilità urbana non di linea inseriti nel ddl concorrenza. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr