Istat: popolazione italiana in calo, la speranza di vita è di 82 anni

Il Sole 24 ORE INTERNO

Al Centro-sud si registrano perdite inferiori, prorpio perchè si tratta di regioni meno colpite dagli effetti della pandemia

Gli uomini sono più penalizzati: la loro speranza di vita alla nascita scende a 79,7 anni, ossia 1,4 anni in meno dell'anno precedente, mentre per le donne si attesta a 84,4 anni, un anno di sopravvivenza in meno.

Unica eccezione è il Trentino-Alto Adige, dove si registra una variazione annuale della popolazione pari a +0,4 per mille. (Il Sole 24 ORE)

La notizia riportata su altre testate

La speranza di vita alla nascita, senza distinzione di genere, scende a 82 anni, ben 1,2 anni sotto il livello del 2019 La Liguria si conferma anche nettamente la regione più anziana d’Italia: l’età media è di 49,3 anni, rispetto alla media nazionale di 46 anni. (Genova24.it)

La speranza di vita dei 65enni crolla di 19,9 anni: 18,2 per gli uomini e 21.6 per le donne. Per gli uomini la speranza di vita alla nascita scende a 79,7 anni, ossia 1,4 anni in meno del 2019. (QUOTIDIANO.NET)

Tra il 2019 e il 2020 il numero dei morti è cresciuto del 18%, la speranza di vita scende di oltre 1 anno e il Covid miete vittime più del previsto. Lo certifica l’Istat: nel 2020 +18% di decessi rispetto al 2019. (Il Capoluogo)

Decessi aumentati del 18%, nascite crollate del 30%: così il Covid ha cambiato l'Italia

Questi si chiamano decessi indiretti, ovvero che non sono stati causati dall'infezione di Sars-CoV-2, ma hanno contribuito in maniera sostanziale all'abbassamento dell'aspettativa di vita I dati ISTAT fanno riflettere. (iLMeteo.it)

Senza distinzione di genere, questa scende a 82 anni, 1,2 anni sotto il livello del 2019 Il Covid ha causato in Italia almeno 99 mila decessi in più di quanto atteso, secondo il Sistema di Sorveglianza Nazionale integrata dell’Istituto Superiore di Sanità. (Open)

A livello complessivo gli effetti sono evidenti: a fronte di appena 404mila nascite, quindi, vengono a mancare 342mila unità. Nel 2020, infatti, i decessi sono stati 746mila, 112mila in più (+18%) del 2019: un’impennata dovuta alla pandemia. (leggo.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr