Genova, morì per l'asportazione di un neo: condannati il guru del centro olistico e un medico

Necrologi INTERNO

Roberta Repetto, 40enne, aveva un melanoma, fu curata per due anni con tisane zuccherate e meditazione e morì a ottobre del 2020 all'ospedale San Martino di Genova dove era arrivata ormai in condizioni disperate. Per la sua assurda morte erano a processo tre persone e questa mattina è arrivata la sentenza. Il santone del centro Anidra, Paolo Bendinelli e il medico bresciano Paolo Oneda sono stati condannati a 3 anni e 4 mesi; è stata invece assolta la psicologa Paola Dora, compagna di Oneda e presente all'operazione. (Necrologi)

Su altre fonti

Eseguita senza anestesia e senza disporre l’esame istologico. Morta a 40 anni per un melanoma dopo la barbara asportazione di un neo sulla schiena. (Open)

Per i giudici non fu un omicidio volontario ma un intervento eseguito con colpa e imperizia. I giudici (ilGiornale.it)

Era morta in seguito all'asportazione di un neo, ora è arrivata la sentenza per Paolo Bendinelli il santone del centro olistico Anidra a Genova e il medico bresciano Paolo Oneda, accusati dell’omicidio colposo di Roberta Repetto. (Saturno Notizie)

Ndannati a tre anni e quattro mesi ciascuno il ‘santone’ del centro olistico Anidra di Borzonasca (Genova) Paolo Bendinelli, e il medico bresciano Paolo Oneda. (LevanteNews.it)

Brescia, il gup ha riqualificato l'accusa da omicidio volontario a colposo per la morte di Roberta Repetto: tre anni e 4 mesi al medico che operò in agriturismo Roberta Repetto morta dopo l'asportazione di un neo: condannato il chirurgo Paolo Oneda (IL GIORNO)

Chi è Paolo Oneda, il medico bresciano che ha operato una paziente sul tavolo da cucina Dopo l’asportazione di un neo sulla schiena, senza anestesia e antibiotici, il medico bresciano consigliò a Roberta Repetto di sottoporsi a una terapia per la purificazione spirituale. (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr