#FLASH# REGENI: FONTI PROCURA, SORPRESA E AMAREZZA PER DECISIONE GIUDICI

Più informazioni:
LaPresse INTERNO

Roma, 14 ott. (LaPresse) -. (LaPresse)

Ne parlano anche altre testate

Oggi - prosegue lo scrittore - pensare che un italiano, possa andare a fare una passeggiata in Egitto o anche temerariamente fare solo uno scalo tecnico per proseguire altrove mi sembra una follia. "È agghiacciante la sequenza di minacce, sabotaggi e omertà portate avanti dalle autorità egiziane in questi anni nei confronti dei responsabili dell'omicidio di Regeni. (Repubblica TV)

(LaPresse) – Battuta d’arresto in apertura del processo per la morte di Giulio Regeni. Secondo i giudici della Terza Corte d’assise di Roma gli atti devono tornare al gup (LaPresse)

L’imputato ha diritto ad avere tutte le notifiche del processo ma anche il dovere di eleggere il proprio domicilio. Anche la presidenza del Consiglio dei ministri ha deciso di costituirsi parte civile nel processo e l’avvocato dello Stato ha depositato l’istanza. (Adnkronos)

Oggi a processo i quattro assassini di Giulio Regeni. Ma non si presentano all'udienza

cronaca. La difesa ha chiesto la nullità, sostenendo che i quattro agenti dei servizi egiziani accusati di aver torturato e ucciso il ricercatore nel 2016, sono assenti in aula perchè ignari del procedimento a loro carico (TG La7)

Oggi pensare che un italiano, dopo aver sentito quello che hanno fatto le autorità egiziane, possa andare a fare una passeggiata in Egitto o anche temerariamente fare solo uno scalo tecnico per proseguire altrove mi sembra una follia. (Il Fatto Quotidiano)

Il primo nodo è quello legato all’assenza in aula dei quattro 007 egiziani accusati del sequestro e dell’omicidio. Si e’ aperto questa mattina, nell’aula bunker di Rebibbia, davanti alla Terza Corte d’Assise il processo nei confronti dei quattro 007 egiziani accusati del sequestro, delle torture e dell’omicidio di Giulio Regeni. (IL GIORNO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr