Elezioni Quirinale, Berlusconi: all'opposizione se Draghi va al Colle. Lega, il piano B è Moratti

ilmattino.it INTERNO

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati

Un avvertimento per mettere tutti, amici e nemici, con le spalle al muro, che mira a terrorizzare i parlamentari di tutti gli schieramenti, che significa annullare gli eventuali desideri del premier di traslocare sul Colle e.

Silvio Berlusconi sgancia la bomba e sigla ufficialmente la propria candidatura al Colle: «Se Draghi va al Quirinale, Forza Italia esce dalla maggioranza e non sosterrà altri governi». (ilmattino.it)

La notizia riportata su altri giornali

Quella di Berlusconi è candidatura del centro destra – ha spiegato il deputato dem – Il tavolo serve a condividere metodo e nomi. “Il Pd quando si parla della funzione del garante dell’unità nazionale c’è, quello che non possiamo accettare è la candidatura di parte. (LaPresse)

Berlusconi: Draghi al Colle? Mentre Berlusconi è deciso ad entrare in campo alla quarta, quando servirà una maggioranza semplice - 505 voti - per venire eletto al Quirinale. (Il Messaggero)

Così il governatore ligure dopo aver incontrato il leader della Lega Matteo Salvini. “Non c’è bisogno di convincermi a votare Berlusconi, se ci saranno le condizioni noi ci saremo”. (LaPresse)

Il leader di Coraggio Italia: "Nessuno vuole schiantarsi contro un muro". (LaPresse) “Non c’è bisogno di convincermi a votare Berlusconi, se ci saranno le condizioni noi ci saremo”. (LaPresse)

“Ci preoccuperebbe molto che il centrodestra possa prendere in considerazione una simile eventualità” Stiamo vivendo una fase delicata e importante, in un momento di profonda crisi sociale, economica e ambientale del Paese” e quindi “chiediamo che il futuro Capo dello Stato sia una figura che abbia capacità di sintetizzare il sentiment del Paese, che riesca a riportare la protesta dei giovani che chiedono un impegno forte nella lotta al cambiamento climatico e che sia una figura con una comprovata garanzia di etica pubblica, ecco perché la figura di Berlusconi non può essere portata avanti”, aggiunge. (LaPresse)

Il nome di Berlusconi non esiste perché il presidente della Repubblica deve essere super partes e responsabile e il comportamento di Berlusconi negli ultimi giorni non lo è. “Il nome di Emma Bonino per il Quirinale? (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr