Evergrande, la banca centrale cinese annuncia inizione di liquidità - ItaliaOggi.it

Italia Oggi ECONOMIA

L'istituto d'emissione è così intervenuto per scongiurare il rischio che la crisi di liquidità di Evergrande possa riverberarsi sul sistema creditizio.

La banca centrale cinese ha annunciato un'iniezione di liquidità a breve nel sistema finanziario, mentre c'è forte preoccupazione per la situazione innescata dalla crisi del gigante immobiliare Evergrande.

La Banca del popolo cinese ha iniettato 120 miliardi di yuan (15,8 miliardi di euro) nel sistema bancario attraverso accordi di vendita con patto di riacquisto passivo, che in termini netti indica un'iniezione di 90 miliardi di yuan (11,8 miliardi di euro). (Italia Oggi)

Ne parlano anche altre testate

Il mondo assisterà a un altro scenario Lehman", ha detto "Tonnellate di aziende cinesi rischiano di essere schiacciate da questo crollo: avere un'esposizione a Evergrande questo potrebbe significare guai seri", ha detto Cramer. (Cointelegraph Italia)

L'intera filiera produttiva legata alle costruzioni e al settore immobiliare rappresenta più del 25% del PIL, e gran parte della ricchezza delle famiglie proviene da questo settore immobiliare”, fanno notare da Renta 4 Banco (MC: ). (Investing.com)

Attraverso il credito P2P si stima siano circolati negli anni circa 150 miliardi di dollari di prestiti, con il coinvolgimento di 50 milioni di investitori. Evergrande ha fatto sapere che giovedì 23 ripagherà 232 milioni di yuan (quasi 36 milioni di dollari) di interessi agli obbligazionisti cinesi. (Il Fatto Quotidiano)

Nel frattempo, l’accordo con gli obbligazionisti nazionali dovrebbe consentire a Evergrande di evitare il default, ma ancora non si sa nulla degli interessi per 83,5 milioni su una emissione a 5 anni scadenza marzo 2022 denominata in dollari Usa, con una dimensione di emissione iniziale di circa 2 miliardi. (La Provincia Pavese)

È una società di sviluppo immobiliare con più di 300 miliardi di dollari di debiti, ma anche con la possibilità di monetizzare buona parte delle sue attività immobiliari e soprattutto di terreni edificabili Quando si tratta di valutare la portata dell’impatto potenziale sui mercati finanziari internazionali, sono gli analisti stessi ad indicare una grande differenza tra la crisi di Evergrande e il crollo di Lehman: Lehman deteneva attività finanziarie, Evergrande ha tangibili asset immobiliari ed è proprietaria di moltissimi terreni edificabili. (Nicola Porro)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr