Astrazeneca taglia le dosi: 5900 in meno slitta la vaccinazione delle forze dell’ordine

Astrazeneca taglia le dosi: 5900 in meno slitta la vaccinazione delle forze dell’ordine
La Repubblica ECONOMIA

«Avremmo potuto vaccinare altre 5.900 persone, ma non si ferma nulla: andremo avanti con quanto abbiamo», commenta Ugo Trama, il professionista che nell’Unità di crisi deve occuparsi proprio del complicato piano di vaccinazione.

Dovevano arrivare circa 54.900 dosi, ma Astrazeneca ne ha consegnate 49 mila, praticamente 5.900 in meno.

«Dobbiamo andare avanti con una programmazione fluida - aggiunge Trama - nel senso che programmiamo a lungo termine, ma poi siamo costretti a rimodulare in ogni istante

Per questo mese, comunque, ci sono 100 mila dosi di Astrazeneca a disposizione che potrebbero bastare per vaccinare il personale scolastico under 55. (La Repubblica)

Ne parlano anche altre testate

Secondo il contratto di AstraZeneca con l'Ue, l'azienda si era impegnata a fornire 180 milioni di dosi ai 27 paesi nel secondo trimestre, aggiunge il sito di Reuters. La azienda anglo-svedese prevede di fornire meno della metà delle dosi di vaccino anti-Covid all'Unione europea rispetto al contratto nel secondo trimestre. (Il Messaggero)

E proprio oggi una circolare del Ministero della Salute estende la fascia di età a cui può essere somministrato il vaccino Astrazeneca, arrivando a comprendere i cittadini tra i 18 e i 65 anni (non più 55), ad eccezione dei soggetti estremamente vulnerabili E' quanto rende noto in un post su Facebook il governatore della Regione Eugenio Giani. (PisaToday)

“A questa complessità – prosegue la nota – si è aggiunta una produttività inferiore alle previsioni nello stabilimento destinato alla produzione europea e per questo non siamo ancora in grado di fornire previsioni dettagliate per il secondo trimestre. (LaPresse)

Vaccino AstraZeneca, circolare ministero: ok a dosi fino a 65 anni (tranne ai vulnerabili)

Occorre specificare che l’attività in questione – quella di appendere le spillette – è stata del tutto spontanea, personale e conseguente all’essersi sottoposti al vaccino anti-Covid. (Cyber Security 360)

AstraZeneca infatti – secondo quanto dichiarato da un funzionario europeo all’agenzia Reuters – ha in previsione una fornitura più che dimezzata delle dosi di vaccino anti-Covid previste per l’Unione europea rispetto al contratto nel secondo trimestre. (Open)

APPROFONDIMENTI L'EPIDEMIA Vaccino Covid, quando saranno autorizzati i nuovi prodotti? La Lombardia è la Regione che finora ha somministrato più vaccini (594.674 dosi), seguita da Lazio (350.870 dosi) ed Emilia-Romagna (334. (Il Mattino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr