Salgono a 183 i morti per l’alluvione in Nord Europa, 156 solo in Germania. Si scava nel fango tra le case: ancora decine di dispersi – Il video

Salgono a 183 i morti per l’alluvione in Nord Europa, 156 solo in Germania. Si scava nel fango tra le case: ancora decine di dispersi – Il video
Più informazioni:
Open INTERNO

Solo in Germania non sono state rintracciate ancora almeno 144 persone, mentre 27 risultano scomparse in Belgio

Secondo gli ultimi dati delle autorità locali, le vittime in Germania sono almeno 156, mentre in Belgio sono rimaste invariate da ieri a quota 27.

Restano ancora decine di dispersi, cercati tra le case travolte dal fango anche con i mezzi anfibi militari.

Ci sono ancora diverse decine di persone che risultano disperse tra la Germania occidentale e il Belgio. (Open)

Su altri giornali

Il livello dell'Isar è in risalita a Monaco e dintorni, mentre in alcune zone alpine è stato necessario far evacuare svariati residenti Un incubo, come ammesso dalla stessa Merkel: «Non sappiamo nemmeno il numero delle persone scomparse». (Ticinonline)

Facebook Shares AGGIONAMENTO DOMENICA 18 LUGLIO ORE 10 Sono più di 180 i morti confermati dalle alluvioni di questa settimana in Germania, che con 156 morti ha il più alto numero di vittime, e in Belgio che ne conta 27. (La Voce dell'Isola)

La strada principale della cittadina belga di Pepinster come si presentava meno di due giorni fa. Questo contenuto è stato pubblicato il 17 luglio 2021 - 20:56. tvsvizzera.it/fra. Dalla serata di venerdì il tempo è migliorato in tutto il Belgio e il livello dei fiumi si sta abbassando. (tvsvizzera.it)

156 vittime accertate: si aggrava il bilancio dell’alluvione in Germania

Varare la legge che imponga il divieto di abitare nelle zone a rischio; mettere in sicurezza la rete dei piccoli corsi d’acqua, anziché concentrarsi solo sulla ricostruzione degli argini dei fiumi esondati; e stanziare subito almeno un miliardo di euro per la protezione immediata da eventi che non sono straordinari ma rappresentano la normalità climatica, come ormai ammette perfino il ministro dell’Interno, Horst Seehofer. (Il Manifesto)

Le forti piogge hanno alimentato nuove inondazioni nella Germania sudorientale e in Austria, anche se non della portata dell’attacco devastante della scorsa settimana La sua visita è arrivata dopo che il presidente tedesco si è recato nella zona il giorno prima e ha chiarito che quella zona del Paese avrà bisogno di un sostegno a lungo termine. (LaPresse)

Aggiornato a questa mattina, domenica 18 luglio, il bilancio delle vittime nello stato tedesco sudoccidentale della Renania-Palatinato è di 110, scrive la Bild, citando il dipartimento di polizia di Coblenza che ha segnalato 12 nuovi decessi. (Sputnik Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr