Covid, vaccini e badanti “anziane”: si prospetta un'estate difficile per le famiglie

Covid, vaccini e badanti “anziane”: si prospetta un'estate difficile per le famiglie
TrevisoToday SALUTE

Anche per questo motivo, essere in regola con il contratto di lavoro è fondamentale, oltre che vantaggioso.

Badanti sempre più “anziane” e prossime alla pensione e scarso ricambio sul territorio, anche solo per le sostituzioni durante le ferie estive.

E’ perciò necessario affrontare di petto la questione delle badanti, spesso non in grado di assistere gli anziani adeguatamente, e alle quali lo Stato oggi non riconosce il ruolo di cura

Innanzitutto, anche per questa categoria la vaccinazione contro il Covid non è obbligatoria e non è nemmeno riconosciuta la professione in ambito sociosanitario. (TrevisoToday)

Ne parlano anche altri giornali

Tre degli asintomatici sono stati individuati tramite contact tracing e, sul totale, 16 positivi sono inseriti in focolai già noti all’Ausl; nessun contagio importato dall’estero o da fuori regione. Purtroppo però ci sono due decessi: si tratta di due concittadine di 64 e 69 anni. (Il Resto del Carlino)

Ecco perché i residenti di San Gallo sono stati i primi in tutto il Paese a ottenerlo. Così ha ottenuto il suo certificato di vaccinazione, che consiste in un codice QR con le informazioni sulla sua vaccinazione (Ticinonline)

La campagna è stata voluta dall’azienda – che conta 1050 lavoratori, oltre a 200 dipendenti delle ditte che operano all’interno dello stabilimento - come «contributo al piano di immunizzazione della popolazione valdostana e quale azione di accrescimento del livello di sicurezza dell’ambiente di lavoro per i propri dipendenti, nella finalità della prosecuzione dell’attività produttiva», spiegano dalla Cas. (La Stampa)

Pregliasco a Fanpage.it: “I casi Covid aumenteranno, per questo servirà una terza dose di vaccino”

Alludiamo naturalmente ai Paesi del cosiddetto Terzo Mondo e in particolare a quelli africani la cui percentuale di persone vaccinate è ancora molto prossima allo 0%. (La Stampa)

Ieri Figliuolo è stato chiaro: "Non sappiamo quanto durerà questo vaccino, ma ragioniamo come se durasse un anno", ha detto a Radio24. Poco più della metà degli italiani non ha ancora ricevuto la prima, ma già si sta parlando della terza dose di vaccino contro il Covid. (Fanpage)

Su quanto ancora dovremo convivere con il Coronavirus, l'esperto non ha dubbi: "Arriveremo alla convivenza col virus molto più civile. Secondo l'esperto, "anche i dati di Ema dimostrano ancora che il rischio/beneficio è a favore della vaccinazione. (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr