AstraZeneca, Palù (Aifa): "Trombosi effetto raro ma giusto a over 60"

AstraZeneca, Palù (Aifa): Trombosi effetto raro ma giusto a over 60
Cosenza Channel SALUTE

I vaccinati con AstraZeneca avrebbero, sulla base dei dati riportati, una possibilità su 100mila di sviluppare una trombosi rara con prognosi grave.

“C’è stata qualche segnalazione rara – conclude Palù – ma non di questo tipo”

“Concordo in pieno” con l’indicazione di un uso preferenziale del vaccino anti-Covid di AstraZeneca negli over 60.

Lo dichiara in un’intervista al ‘Corriere della Sera’ Giorgio Palù, presidente dell’Agenzia italiana del farmaco Aifa e componente del Comitato tecnico scientifico (Cts) per l’emergenza coronavirus, spiegando le ragioni della decisione annunciata ieri sera dalle autorità sanitarie nazionali. (Cosenza Channel)

Ne parlano anche altri giornali

I vaccinati con AstraZeneca avrebbero sulla base dei dati riportati una possibilità su 100mila di sviluppare una trombosi rara con prognosi grave. Un evento rarissimo. (Sputnik Italia)

A detta del presidente di Aifa, "ancora non si sa se i casi di trombosi venosa cerebrale sono legati alla genetica Sono stati analizzati 86 casi di cui 19 fatali, a fronte di 20 milioni di vaccinati", continua Palù. (Yahoo Eurosport IT)

Gli eventi avversi anche gravi, secondo quanto riportato dalla commissione, sono stati notati nei successivi quattordici giorni dalla somministrazione del vaccino Il Cts ha infatti ribadito che l’associazione tra il vaccino Vaxzevria casi di tromboembolismi anche gravi sono eventi rarissimi e che, a oggi, riguardano la popolazione prevalentemente femminile con età inferiore ai 60 anni. (Liguria Oggi)

AstraZeneca, il ministero della Salute: «Rischio basso, uso preferenziale per gli over 60»

Secondo Palù, la raccomandazione sull’utilizzo di AstraZeneca non dovrebbe influire più di tanto sull’andamento della campagna in Italia Lo ha detto a Sky TG24 Giorgio Palù, presidente dell’Aifa (Agenzia italiana del farmaco), dopo la raccomandazione del ministero della Salute sull’utilizzo del vaccino anglo-svedese agli over 60. (Reportage online)

I risultati dello studio evidenziano quanto sia fondamentale non ignorare il fenomeno e mettere in campo tutte le migliori competenze e capacità gestionali per preservare l’integrità genetica del lupo Il cane domestico è il risultato di una forte selezione attuata dall’uomo e di millenni di isolamento riproduttivo dal lupo. (Yahoo Finanza)

Tempo di lettura (Quotidiano del Sud)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr