Dalla Chiesa: “Buccinasco epicentro della ‘ndrangheta, non c’è nessuna fine della violenza”

Dalla Chiesa: “Buccinasco epicentro della ‘ndrangheta, non c’è nessuna fine della violenza”
Fanpage.it INTERNO

Tanto da richiedere l'attenzione già nel 2012 di Nando dalla Chiesa e Martina Panzarasa, autori del libro "Buccinasco.

Quando invece commette un omicidio in strada è perché vuole dare un chiaro messaggio.

Perché la ‘ndrangheta a Buccinasco, come nel resto della Lombardia, ha mostrato che se vuole può conservare la pace

Dalla Chiesa: “Buccinasco epicentro della ‘ndrangheta, non c’è nessuna fine della violenza” “La ‘ndrangheta a Buccinasco ha mostrato che se vuole può conservare la pace. (Fanpage.it)

Su altre testate

Ma i contatti con la criminalità di Dum Dum non si sono fermati alla ‘ndrangheta, Salvaggio ha avuto contatti anche con il boss di Gratosoglio e con alcuni esponenti della Sacra corona unita Sì, perché il “mini killer”, uno dei soprannomi con il quale era conosciuto Salvaggio, è evaso con altri due ragazzi. (Zoom24.it)

"Immagino sia stato ucciso da professionisti - ha detto il sindaco Rino Pruiti - che quando era a terra gli hanno sparato un ultimo colpo alla testa" senza lasciargli scampo. Ricoverato in arresto cardiaco all'Humanitas di Rozzano (Milano), Salvaggio è morto poco dopo l'arrivo in ospedale. (L'Unione Sarda.it)

Salvaggio lascia una moglie e una figlia - LEGGI L'ARTICOLO E' stato ucciso in 'un'esecuzione' Paolo Salvaggio, morto in un'agguato questa mattina a Buccinasco. (La Repubblica)

Agguato a Buccinasco, ucciso il broker della droga legato anche alla 'ndrangheta

A cura di Ilaria Quattrone. "Il mini killer" e poi "Dum Dum": sono questi i soprannomi che negli anni sono stati affibbiati a Paolo Salvaggio, il 60enne che ieri, lunedì 11 ottobre, è stato ucciso in un agguato a Buccinasco, comune in provincia di Milano. (Fanpage.it)

Le indagini si stanno concentrando sui tre telefoni trovati addosso alla vittima, di cui uno criptato. (Fanpage.it)

Una vera e propria esecuzione: non ci sono dubbi sulle origini della sparatoria avvenuta a Buccinasco, nell’hinterland milanese, e che è costata la vita a Paolo Salvaggio, 60 anni, morto all’ospedale Humanitas di Rozzano poco dopo il ricovero. (Corriere della Calabria)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr