Facebook avrebbe creato delle liste di utenti vip al di sopra delle regole

Facebook avrebbe creato delle liste di utenti vip al di sopra delle regole
Wired Italia ESTERI

Se Facebook sta poi davvero lavorando al miglioramento del programma, allora sta facendo non poca fatica per ottenere qualche risultato

Per Facebook rimuovere o punire un utente per i contenuti che pubblica diventa più complicato quanto più questo è un personaggio vista.

Il Wall Street Journal scrive che la maggior parte delle persone presenti in questa lista non sapeva però di farne parte.

In questo senso XCheck sembra un sistema per evitare nella grande maggioranza dei casi di applicare le regole, evitando polemiche. (Wired Italia)

Su altri media

Si tratta di Be Real, una nuova applicazione che ha quasi lo scopo di essere il contrario di IG con le sue nuove opzioni. Per iscriversi sarà necessario scaricarla, installarla e dare le proprie informazioni in modo tale da creare un RealMoji (Tech Meteoweek.com)

“E’ palese che Facebook non è in grado di assumere autonomamente le proprie responsabilità”, recita un comunicato congiunto pubblicato ieri dal senatore democratico Richar Blumenthal e dalla repubblicana Marsha Blackburn. (Nova News)

Il lavoro si concentra in particolar modo sull’incidenza che ha Instagram sui comportamenti delle ragazze adolescenti. Per questo dal Wall Street Journal hanno puntato il dito contro Facebook, che a loro modo di vedere non avrebbe fatto chissà quali sforzi per cambiare lo stato delle cose (ContoCorrenteOnline.it)

Instagram aumenta depressione nelle ragazze adolescenti. Lo studio

“Il 32% delle ragazze adolescenti ha affermato che quando si sentiva male per il proprio corpo, Instagram la faceva sentire peggio”, secondo quanto riferito dai ricercatori. A dirlo è proprio una ricerca interna di Facebook, la società che possiede la piattaforma, trapelata sul ‘Wall Street Journal’. (laRegione)

Nel 2020, si legge su “The Facebook Files”, l’élite invisibile di Facebook si aggirava intorno ai sei milioni di utenti, quasi lo 0,2% del totale degli iscritti al social. Tramite il software citato in precedenza, Facebook tratta con occhio di riguardo i vip, che nonostante le violazioni delle regole per alcuni post non subiscono la rimozione o il blocco dell’account. (Il Sussidiario.net)

“Il 32% delle ragazze adolescenti ha affermato che quando si sentivano male per il proprio corpo, Instagram le faceva sentire peggio”, secondo quanto riferito dai ricercatori. Gli adolescenti incolpano Instagram anche per l’aumento di ansia e depressione“. (Key4biz.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr